RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Milo De Angelis E' TARDI

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

Milo De Angelis   E' TARDI Empty
MessaggioTitolo: Milo De Angelis E' TARDI   Milo De Angelis   E' TARDI Icon_minitime6/2/2011, 20:33


La terra appartiene a chi l'ha abbandonata.

Adesso tu
devi tradurre.

M.D.A.



Non ho saputo capire
non so ancora
se l'incrocio dei pali
è legno o leggenda
se i baci sono freddi
nella mia poesia o nel primo sguardo
delle labbra sigillate,
se l'amore passa senza suono
tra i corpi nudi
che nessuna ombra custodisce.


***


Ma poi quell'ansia ostruita
trovò le sue labbra. Tutto
era nelle parole
portate una alla volta.
Portate a coloro che attendono.
Solo a loro, nelle strettoie
dell'urlo. Era il pane che si mescola
al sangue. Era la stessa
sillaba che ci chiama
dai sotterranei, perduta
impronta digitale, sguardo
dei grandi occhi senza ciglia.


***


Torna antica la parola
e quella stanza era un suono
di fogli e neon, lesione
nella castità delle dita
a precipizio tra due pareti,
scendo in un giorno remoto,
il polpaccio s'indurisce,
tutto finisce a mezzogiorno, di ombra
in ombra si abbrevia una vita,
l'erba cresce nei corridoi
bisogna consegnare,
tra qualche minuto, bisogna
consegnare anche la brutta.



***


E’ tardi
nettamente. La vita, con il suo
perno smarrito, galleggia incerta
per le strade e pensa
a tutto l’amore promesso.
Cosa attende da me? Dove batte
il cuore dei perduti? E’ questa
la meta misteriosa
di ciò che vive?
La casa si allontana
dai soggiorni, tutto
è consegnato all’evidenza
della fine, tutto è sfuggito…
… ma la sillaba
che stringeva la gola
è questa.


da QUELL’ANDARSENE NEL BUIO DEI CORTILI



Torna in alto Andare in basso
 
Milo De Angelis E' TARDI
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Di tutto, di più-
Vai verso: