RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 La geometria del binario

Andare in basso 
AutoreMessaggio
dario guadagnini
Top
Top
dario guadagnini

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 06.05.10

La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime10/4/2011, 20:54

Evito, per quanto possibile, di pensare ai tortuosi percorsi passati in attesa del treno in ritardo che non arriva, un senso di inquietudine sale e come le zanzare sorvola noioso zone che dovrebbero rimanere circoscritte alla propia intimità, lambendo lateralmente aree personali che contengono l’esordio di nuove sensazioni . In quei momenti sale il dubbio e ti chiedi : « non é il treno ad essere in ritardo ».

Non ho ricordi di treni vaporosi che scorrono pacifici attraverso luoghi incantevoli , anzi, a dire il vero quei pochi fili di pergamena legati all’infanzia sono molto vaghi , racchiusi nel vortice confuso dei ricordi sommersi. Il resto l’ho rimosso, come si allontana una mosca fastidiosa che ronza insistente attorno al corpo sudato. Da qualche tempo sudo assai durante il periodo estivo, non vedo molte mosche , in compenso un plotoncino a ranghi sparsi di zanzare decollano dall’acquitrigno con mio destino d’atterraggio . Un volo a basso dispendio di energia, la distanza per giungermi é quasi irrilevante e le amichette non si lasciano fuggire l’occasione di mancare agli appuntamenti importanti.

Quando percorrete la tratta di questa pianura paludosa, potete scorgerci in lavori di manutenzione, intenti a rimuovere , assestare materiale nella linea di potenziamento e manutenzione a quella attuale. Sono da poco integrato in questa squadra e mi sono detto: “… ora, non ti complicare la vita , é già quasi in apnea … “ … dopotutto, devo ritenermi fortunato di aver assicurato questo lavoro a tempo determinato … se non faro’ particolari stronzate, porterò a termine questo contratto annuale confidando nella possibilità di rinnovo . Il mio compito richiede una buona predisposizione al lavoro manuale facilitato dall’utilizzo di macchinari specifici al movimento ed alla preparazione di piani per rendere agibile la cosiddetta ormai impropriamente strada ferrata. Sto cominciando a sviluppare le prime superficiali nozioni ed inizio a valutare bene l’importanza dei vari elementi che costiuiscono l’insieme del binario. Per farla breve, non é cosi’ semplice come si puo’ immaginare e di certo non evoca un bel niente rispetto ad altri aspetti di contorno al mondo ferroviario che offre altri spunti e prospettive affascinanti, tuttavia , il binario é la conseguenza diretta degli spostamenti fisici, oltrechè quella indiretta per i derivati voli simbolici prodotti delle emozioni che il trenino produce.
Tanto per iniziare quel che ho prodotto personalmente é lo sforzo físico e la tensione nervosa per integrarmi nel contesto malgrado questo ho imparato alcune cosette sulla rotaia, per esempio : se parlo di “ suola ” non necessariamente penso ad una scarpa, il “ gambo “ non per forza sostiene il fiore od il carciofo , il “ fungo “ non sempre sta nel bosco , le traverse possono benissimo essere instatallate fuori dai campi di calcio; ma quel che più conta, con l’aiuto del personale esperto sto apprendendo le tecniche di armamento del binario . Poso, fisso rotaie, aggiungo attacchi , assieme ai tecnici ispeziono lo massicciata, verifico il pietrisco e la struttura di drenaggio … insomma ci sono cose da fare , anche a livello manuale per definire la necessaria geometria del binario.

I miei nuovi compagni non mi dispiacciono, due di loro sono più giovani di me ed ancora inesperti nei comportamenti. Essendo ancora novellini vagheggiano intorno a monologhi interiori carichi di possibili sviluppi positivi, immaginando interventi coordinati e sudate presenze personali gratificate con antipasti di pacche sulla schiena, in attesa di ulteriori riconoscimenti. Presto, comincieranno a capire come mai alcune cosette non risultano nella personale tabellina delle operazioni aritmetiche e le metteranno da parte riprendendo gli attrezzi in mano, come hanno fatto i colleghi integrati da tempo in questo ambìto e con questo compito. Inoltre, la normativa contrattuale non prevede l’osservazione ripetuta del traffico attraverso sintesi di idee poco articolate espresse con allegria, ma collega l’attenzione ai convogli viaggianti per formali motivi di sicurezza legata all’attività lavorativa. Anche se volessimo tergiversare trastullando gli attrezzi di qua e di là, non potremmo farlo, subendo le occhiate di rimprovero dai colleghi più anziani che sicuramente possono influire sulla nostra possibilità di riconferma … bisogna occuparsi del pietrisco di riporto, della posa in opera del materiale . Perciò, anche i ragazzi tengono le antennine alzate e devono mimetizzare qualche frizzante propensione, che i sensi giovanili evidenziano, come succedeva 30 anni fa ai loro coetanei di allora. Di certo, non manifestano spontaneamente i loro apprezzamenti con fischi acuti ed occhiatine eloquenti , quando in assetto variabile pendola sognante l’immagine fuggente di una bella ragazza. Ora, il lavoratore deve dimostrare professionalità, serietà, anche se deve scavare un buco che rimuove 15 metri cubi di terra.

Il capo é di un’altra categoria, non si limita ai lavori di un ausiliario, lui traccia, misura distanze e parametri con apparecchi sofisticati, srotola e riavvolge mappe, va e viene con passo sicuro, insomma , si vede che é un capo anche quando tele comunica con periglio i dettagli tecnici e le possibili anomalie giornaliere al responsabile di linea operativa. Percepisco, o meglio, sento decisamente la differenza di ruolo ed il maggior grado di concentrazione dato dalla responsabilità del compito assegnato. In ogni caso, un certo grado di attenzione, necessita pure a me , anche se in qualità di jolly svolgo effettivamente una attività ausiliaria. Bruno il capo, si é dedicato con idee chiare ed intensità al proprio lavoro, soprattutto una caratteristica si nota evidente in lui , la passione per i treni. E’ un po’ rigido ed eccessivamente conforme alle consegne, che a sua volta , richiede siano svolte con parsimonia dai subordinati, secondo precisi parametri da lui stabiliti, ma tutto sommato é un tipo con il quale si può comunicare. Non concede molto alle divagazioni in servizio … quando si lavora, si lavora.
A fine mattinata stacchiamo e ci rechiamo con il furgone in trattoria , Bruno riassume con sintetica lucidità l’operato svolto in mattinata e riorganizza, se necessario, i compiti per il pomeriggio. Poi, una volta seduti davanti al piatto di pasta chiude il rapporto sulla linea ferroviaria, e con favorevole aggancio, apre la finestra del treno in chiave ludica .
I suoi racconti ci incuriosiscono ed al tempo stesso mettono la ciurma della strada di acciaio dentro un certo grado di soggezione. Sa tutto, sia dal punto di vista storico, sia nelle particolarità tecniche sviluppate dalle ferrovie . Descrive con appropriata precisione, passaggi e connessioni , le rappresenta con evidente mimica facciale muovendo ritmicamente corpo, braccia e mani, per dare sostanza agli enunciati, come di solito dimostra un bravo tecnico operativo. Ho notato questa attitudine all’insegnamento, e sembra aver trovato in me il ricettore appropriato , perché , effettivamente lo ascolto attentamente e lo osservo incuriosito. Nella sua normalità lo trovo originale ed anche generoso, non come certi capetti, timorosi come sono di svelare perle di sapienza e tesoretti in cassaforte. Bruno da questo punto di vista è sicuro del fatto suo, e conferma l’indole d’ insegnante. E’ sufficientemente lesto da non ripetersi, si districa con sicurezza fra scambi, declività ed acclività …. tanto per citarne alcune. Trova lo spunto per variare le descrizioni, e non si ferma, finché, qualcuno di noi pone un’interrogativo pertinente, poi con carburata energia risponde e riparte, preciso come un treno in orario. Ora, abbiamo nozioni appropriate sul mondo ferroviario, aneddoti speciali che un normale viaggiatore in cerca di spunti sull’argomento non puo’ trovare con facilità.
E’ furbo, con queste cosette ci motiva e trasferisce un po’ della sua passione, a meno che, non irrompi d’improvviso Giunone, la cameriera … bottiglie alla mano, deposita acqua e vino sul tavolo con campestre femminilità e retrocede con elastico scattino delicato. In quei momenti, gli occhi freschi dei due giovani dispensano la geometria degli sguadri in fiore ; nel frattempo Bruno continua a carburare, sottolinea il giusto collocamento storico, puntualizzando differenze fra la progettazione della linea mediterranea rispetto a quella adriatica, se poi, per qualche ragione Giunone ritorna nei pressi, ci carica addosso l’ETR 212 che nel 1939 stabilì il record mondiale di velocità media nella tratta Milano–Bologna. Di questo passo, incentiva la trazione a vapore trasformandola in quella a corrente alternata trifase, per arrivare, con trionfo a quella continua a 3000 V. Questi particolari tecnici mescolati al carattere distensivo della discussione mi confondono all’istante, per uno come me che usa dare più confidenza alla pala, ma inducono, una volta ritornati al lavoro a seguire con assoluta perizia d’intenti le istruzioni impartite .
D’altra parte questa continua condizione di subalternità, a volte mi irrita, così, pochi giorni fa a tavola ho trovato l’occasione per stuzzicare il capo : “ Capo ? …. Qual’è l’origine della parola Treno ? ”
Allungando la mano per prendere il bicchiere di vino mi ha risposto : “ Deriva dal latino – trahere – che significa tirare !! “. Evidentemente, da buon segugio, ha fiutato da tempo l’occasione per non perdersi questa chicca etimologica. L’ho guardato mentre dirigeva il bicchiere alla bocca, questa volta, con la grazia di un pluri laureato.
I suoi gesti non provocano impressioni curiose, tali da trarne motivo di caricatura , tuttavia c’è qualcosa di bambinesco e coscientemente sommerso che gestisce con abilità per non interferire con il proprio ruolo . Stabilita la componente giocherellona di Bruno, che comunquemente é in ognuno di noi, non mi sorprenderei di vederlo allestire appropriatamente una stanza stracolma di modellini Lima, giustificata con il mal celato obiettivo coperto dal pretesto di far divertire il figlio. Sono quasi sicuro che l’allestimento è ormai predisposto da anni, con un particolare non irrilevante , il figlio é cresciuto anche senza la compagnia dei modellini Lima … forse.
Non bisogna esagerare nei rapporti che si creano di conseguenza al lavoro, ripetute incursioni personali possono suscitare reazioni d’urto, perciò limito le spiritosaggini con delle brevi battute di carattere superficiale .. in qualità di jolly simpaticone posso permettermi anche qualche divagazione .

Il ritorno pomeridiano all’attività lavorativa è un po’ soporifero, bisogna smaltire la sonnolenza indotta e prodotta come risultato della parziale digestione e conseguente rilassamento; anche il capo non dice una parola e le fresche bocche dei più giovani allungano ed espandono sbadigli a destra e manca lungo il tragitto che ci porta al sito destinato. L’autista del furgone é Renzo il macchinista ; conduce i locomotori di manutenzione alla linea, é un personaggio pieno di baffi. Lui non divaga, parla poco e sorride di rado … gli farebbe bene, se non altro per arrotondare la lunga faccia. A dire il vero non é il tipico musone, ma al contrario di Bruno, il più delle volte, si limita a dimostrare l’assenso con un movimento discreto della piega sinistra della bocca, od il dissenso volgendo ambo i lati verso il basso come a manifestare meraviglia per le corbellerie ascoltate … naturalmente i folti baffi seguono l’andamento dei flussi. Gli occhi chiari e penetanti non esprimono nitidamente cambiamenti di stato d’animo. In alcune fasi del lavoro lo devo assistere a fianco dei suoi mezzi, impartisce ordini sintetici , pressochè generici : “muovi la leva .. “ – “premi questo bottone .. “ – “ passami il calibro di scartamento “ … calibro di scartamentooo ?? … insomma, un tipo pratico . Manovra varie macchine tecnologicamente complesse che richiedono competenza specifica all’utilizzo. E’ della generazione successiva a quella del capo squadra ed ha partecipato ad un corso apposito per poter esercitare questo tipo di lavoro . Ora attua funzioni e rilevazioni diagnostiche , inclusa la determinzione dell’allineamento del binario.
Misure precise, tutto all’interno della tecno-magia ferroviaria, il « treno rinnovatore » .
Bruno ci ha raccontato che fino a non molti anni fa eseguiva personalmente controlli e calcoli con l’aiuto di tabelle per la corretta geometria del binario . Dalla descrizione ha lasciato trasparire anche qualcosa che esula dal significato sostanzialmente pratico del lavoro, aprendo una porticina, « divagando », sul misterioso riflesso che il termine evocava . Il baffo, nella circostanza ha mantenuto rigida la lunga faccia ed immobili i sporgenti baffi, voltando per un’attimo pupille, cornee ed iridi, a mia volta, ho deliberatamente cercato lo sguardo del capo per esprimere simpatia, ed anche i ragazzi hanno partecipato sornioni e silenziosamente solidali, poi Bruno ha chiuso la parentesi.

Chiuse le parentesi di pranzo si riaprono quelle di lavoro, mentre a causa del blocco di sezione causato dai lavori in corso, transitano con cautela treni dai sonori fischi acuti, una cinetica laterale di convogli merci che si alternano a treni diretti , regionali e locali, una « freccia rossa » passa vanitosa, mi aspetterei di vedere quella « d’argento » , ma si sa, le grandi dame si fanno attendere. Continuamo a lavorare alla massicciata con i piedi riscaldati dal pietrisco, finchè giunge il respiro serale con tiepide e lievi correnti ventose provenienti da nord, il sole estivo è ancora alto ma comincia a dilatarsi la cappa di vapori atmosferici che si fonde a fumi di varia natura, sta per concludersi la giornata di lavoro regalando un senso distensivo. Ora mi sono abituato a scandire i ritmi distribuendo le energie in modo più appropriato e ritorno a casa meno stanco. Sistemiamo pantaloni e camicia, versiamo un po’ d’ acqua nel viso, poi beviamo finchè cessa la sete. Adesso abbiamo tutti maggiore confidenza reciproca, ed a quest’ora c’è il tempo di gettare l’occhio con testa alta nei vagoni dai quali sporgono volti occupati dai pensieri … forse sono pendolari. Altri sono sublimati dalle immagini trascorse nel paesaggio, producono ancora sguardi fotografici che scattano flash improvvisi … forse sono viaggiatori per svago. Mano a mano che il treno si allontana, scorgo con maggiore difficoltà possibili differenze fra vacanzieri e pendolari, finchè in lontananza intravedo vagoni gettati lungo un percorso definito.

Tutti in movimento verso destini stabiliti, ed è appunto questa sensazione di spostamento interno che sento fastidiosa e vivace allo stesso tempo, forse quella che ha indicato Bruno in senso figurato attraverso la sua geometria dei binari. Mandiamo il treno rinnovatore a riposo … almeno la sera. Domani si ricomincia .. di contorno i treni che passano e le zanzare che atterrano.

Mi sono concesso una licenza premio, dissimunlandomi fra i viaggiatori, un distacco di fine servizio dalle retrovie della tratta. Fra una settimana ricevero’ l’avviso di riconferma o congedo, posso tentare di immaginare i rapporti giunti al dipartimento, in fin dei conti sono ausiliario, percio’ non non devo ricorrere a stratagemmi interiori da Tenente Drogo delle ferrovie … situazioni differenti e poi sono soldato semplice. Arrivo alla stazione di Padova con largo anticipo, il mio treno partirà alle 20.05 dal binario 3 , vago nei pressi del grande salone, il biglietto è già in tasca, mi siedo ed osservo, attorno flussi continui con umanità limitrofa che staziona ai margini dei margini, nascosta nei bordi dei bordi fra gli angoli più angoli, umanità e disumanità celata fra signore e signorine, sportivi e turisti, un far niente contrapposto al dolce far tutto di pendolari e liberi professionisti. Passa il tempo, ma questo scenario rimane presente, in soluzione continua, dissolto in molecole sparse dai nostri timori e fastidi. Lambire certe profondità non è molto divertente, ed ognuno nelle sale d’aspetto porta indumenti pesanti dentro valigie sigillate.
Mi alzo , vado al bar , bevo un caffè , esco per il tempo di una sigaretta , la smorzo …
… é ora di recarsi in piattaforma, sono le 19.25, c’è ancora un po’ di tempo, trovo una panchina e metto lo zaino appoggiato giustamente per farmi da cuscino, mi distendo come se fossi in una poltrona di legno .. sto bene, il sole arancio fa capolino all’orizzonte, un contorno argentino si sparge, nelle vicinanze, vedo binari , treni, e più in alto fili , poi ancora cavi di tensione, lo spazio aereo si risolve nella geometria degli elettrodotti …. estraggo emerso da chissà dove un’altro filo, questa volta di pergamena, il più limpido : mi ritrovo ragazzino con pesantissima biciletta nella statale, verso Primolano , 20 km a pedali per vedere la Val Sugana con i suoi rilievi laterali che spingono le loro prese d’appoggio a ridosso dello stretto fondo valle, in mezzo la lunga strada , interminabile fino a Trento, come un cono si restinge per dare spazio ad altre macchie boscose che in lontananza attenuano i colori dissolti in toni più uniformi, nello sfondo aeriforme il pallido , opaco contrasto biancastro si concentra verso me in favore di tinta celeste. Proietto filmati originali per me stesso, aprendomi giovane inesperto alle prospettive del viaggio, senza rotaie è vero … ma in fondo è lo stesso.

Il treno è arrivato, guardo la palla divenuta scarlatta che si appoggia avvolgendo la sagoma del locomotore ormai fermo … poi basta, mi volto e vedo vagoni , ed ancora vagoni, cerco il numero della mia carrozza, salgo, vari idiomi diffusi lungo il corridoio, questo è un treno internazionale, non stiamo parlando di noccioline … scompartimento n° 23 .. di fronte a me un giovane uomo è già seduto al suo posto , lo saluto e ricevo risposta : “ Bonsoir … “ … si parte in orario.


Torna in alto Andare in basso
http://papiro-dadino.blogspot.com
Oroserio Sergio
Top
Top
Oroserio Sergio

Numero di messaggi : 316
Data d'iscrizione : 12.09.09

La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: Re: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime12/4/2011, 11:31


"Evito, per quanto possibile, di pensare ai tortuosi percorsi passati in attesa del treno in ritardo che non arriva, un senso di inquietudine sale e come le zanzare sorvola noioso zone che dovrebbero rimanere circoscritte alla propia intimità, lambendo lateralmente aree personali che contengono l’esordio di nuove sensazioni . In quei momenti sale il dubbio e ti chiedi : « non é il treno ad essere in ritardo ». "

Tutto il tuo impegno lo ricollego a quest'inizio del tuo pezzo. Qui trovo delle frasi e delle idee da prendere in considerazione; pensieri che mi suscitano un qualcosa che non chiamerei mero interesse. A me piace molto il dubbio, quando ci si chiede "non è il treno ad essere in ritardo" che arriva al termine di una delicata introspezione.

Per il resto, questo tuo lavoro lo trovo descrittivo di luoghi, di oggetti, e perdonami, pochi soggetti pensanti, sconfinando a mio modesto parere in altre categorie, non certo meno interessanti, di scrittura; diversi dai racconti romanzati. Non so se era questo il tuo fine. Non scendo in altri dettagli, non è affatto scritto male, anzi. Solo un termine non è esatto, ma anche questo non so se è voluto. Con sincerità e intento costruttivo un sorriso da Sergio
Torna in alto Andare in basso
http://oroseriosergio.myblog.it/
dario guadagnini
Top
Top
dario guadagnini

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 06.05.10

La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: Re: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime12/4/2011, 13:16

Ciao Sergio

Ho lasciato molto in sottofondo dentro una trama sostanziamente descrittiva, nella quale senza forse, mi sono dilungato troppo ( per esempio : nella descrizione delle caratteristiche di Bruno ). Questo scritto tesse una tela con trama anomala e può risultare, agli occhi del lettore, appesantito e non particolarmente attraente.
Il linguaggio adoperato é volutamente formale per scandire i collegamenti al contesto descritto.
Ho deciso di percorrere questo cammino più impegnativo, evitando di avvolgere con effetti traversali la dinamica ed il ritmo del linguaggio che ho voluto adoperare. Lo spessore sostanziale del racconto non é al TOP, ma i sottointesi ed i collegamenti nelle varie fasi non mancano, richiede una lettura attenta.
C'è sicuramente qualcosa da mettere a posto nella mia ambizione letteraria, espressa nella geometria del binario.
Verso la fine ho aperto la strada ex ferrata a toni più evocativi espressi in progressiva ascesa verso esperienze sensoriali ricollegate ed episodi di vita vissuta che mi hanno coinvolto personalmente , sono piuttosto soddisfatto di come ho potuto esprimere tutto ciò.
"Non é il treno ad essere in ritardo" ma alla fine parte in orario, un messaggio di speranza ottenuta attraverso un percorso sudato.
Ti ringazio molto per la tua analisi che mi aiuta a migliorare .... a presto
Torna in alto Andare in basso
http://papiro-dadino.blogspot.com
Nuccio Pepe
Top
Top
Nuccio Pepe

Numero di messaggi : 1010
Data d'iscrizione : 13.12.08

La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: Re: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime1/5/2011, 16:13

Intenso, descrittivo e coinvolgente.
Un brano sicuramente interessante e da rileggere!
La geometria del binario 575356
Torna in alto Andare in basso
http://www.nucciopepe.wordpress.com
dario guadagnini
Top
Top
dario guadagnini

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 06.05.10

La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: Re: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime1/5/2011, 22:01

Grazie Nuccio
Torna in alto Andare in basso
http://papiro-dadino.blogspot.com
Contenuto sponsorizzato




La geometria del binario Empty
MessaggioTitolo: Re: La geometria del binario   La geometria del binario Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
La geometria del binario
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: