RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Riflessioni di un capotreno

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Claudio Esposito
Top
Top
Claudio Esposito

Numero di messaggi : 246
Data d'iscrizione : 04.11.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime27/4/2011, 11:43

Camminando lungo la massicciata per controllare se sia tutto a posto durante le ispezioni che il regolamento mi impone di fare due volte alla settimana, avverto sempre la stessa indefinibile sensazione, di stupore misto ad ammirazione e compiaciuta curiosità, sempre la stessa, come la prima volta.
E sì che sono passati trent’anni; eppure, ogni volta che mi chino a osservare un giunto, un bullone, i raccordi delle traversine sui binari, o l’allineamento delle rotaie, così perfetto e immutabile, provo immancabilmente un sentimento di orgoglio, come se fossi un privilegiato, cui è dato di contemplare e custodire un gioiello ineguagliabile di ingegneria ferroviaria, un meccanismo di formidabile precisione del quale io solo sono responsabile.
In realtà, la mia è una modestissima linea di provincia, che percorro su un trenino accelerato, già vecchio quando presi servizio, e che denuncia ormai tutti i suoi anni.
Eppure, questo piccolo orizzonte, proprio perché è l’unico che conosco, è per me grande, e mi figuro sempre che dietro una curva cieca del percorso, una volta o l’altra, debba aprirsi un nuovo scambio che porti il treno su una via sconosciuta verso una destinazione ignota, diversa dalla solita stazioncina madre, che invece puntualmente appare alla fine della corsa, con le consuete immagini di ogni viaggio : la casupola del casellante, la minuscola pensilina, il gabbiotto del bigliettaio, il bar - tabacchi che funge anche da sala d’aspetto e deposito attrezzeria, l’officina di stazione, dove gli operai s’accaniscono in interminabili partite di scopetta.
Certo, se mi affidassero una linea nazionale, di quelle importanti, con quelle belle locomotive ultimo modello i wagon lits e le vetture di prima classe, sarebbe un’altra cosa, farei finalmente carriera… ci penso sempre, e da molto tempo sto lavorando a una relazione da allegare alla domanda di trasferimento per il direttore del Compartimento, giù in città.
Nelle pause del lavoro, durante i momenti di sosta alle stazioni intermedie, mi metto a scrivere, tentando di spiegare nel migliore dei modi le motivazioni che mi spingono a chiedere il trasferimento; cerco gli aggettivi più calzanti, la forma più corretta, le argomentazioni più opportune, la giusta intonazione del discorso per influenzare favorevolmente l’ufficio che dovrà decidere. Ma non sono mai soddisfatto, e finisco sempre per stracciare tutto e ricominciare daccapo una nuova relazione, che finirà anch’essa nel cestino dopo poche righe.
E questa storia va avanti ormai da anni, tanto che a questo punto avrei potuto completare non una, ma mille relazioni, anche molto lunghe e articolate.
Forse, a parte la forma, quello che ha sempre impedito la stesura delle relazioni è stata la considerazione che qui, in questa oscura linea locale, sono il capotreno, un’autorità, piccola finchè si vuole, ma pur sempre importante per quei bravi campagnoli che salgono sulle mie carrozze.
Se andassi su un grande treno interregionale, al contrario, diventerei una nullità, un umile impiegato che ha sopra di sé un’infinità di superiori : il capotecnico, il capodeposito, il capostazione, il capomovimento, l’ispettore superiore, l’ispettore capo, il capodipartimento e non so quanti altri ancora, tutti pronti a schiacciarmi col peso della loro autorità.
Qui invece sono libero, non devo rendere conto a nessuno; anche le rare ispezioni dei funzionari della direzione provinciale sono cessate da un pezzo; solo io verifico periodicamente la linea, le stazioni, il treno: in quelle occasioni mi sento veramente il padrone della ferrovia, e provo un’eccitazione quasi bambinesca quando entro nella motrice, il vecchio cuore del treno, e ne accarezzo i meccanismi, lubrifico gli ingranaggi, controllo i manometri, il comando del fischio, i freni ad aria compressa, il volante per il cambio di marcia, e mi pare che il locomotore sia una mia creatura, non possa procedere senza di me, e io senza di lui, legati indissolubilmente su questa piccola strada ferrata che è diventata il mio mondo.
Un “mondo” di cinquanta chilometri, che ho circumnavigato milioni di volte e conosco a memoria fin nel più piccolo particolare: le distese di uliveti che si alternano ai campi di girasole, le casette dei contadini arrampicate sui fianchi delle colline, e gli orti gli stagni i pascoli i faggeti le fattorie, che corrono via veloci al passaggio del treno, immagini variopinte di una terra semplice e dimessa, che si ritraggono pudiche alla vista del convoglio, unico disturbatore della loro secolare quiete, piombato per sbaglio a solcare quel paesaggio incontaminato, al quale rimane estraneo, nonostante si ostini a percorrerlo e cerchi vanamente di scuoterlo col suo sferragliare sbuffare e fischiare imperioso.
Il trenino resta un’incongruenza, un equivoco, una indebita presenza, e i binari una lunga cicatrice incisa sul territorio, che osserva muto, addolorato e perplesso.
Questo contrasto, questa strana mescolanza di antico e moderno, mi affascina e mi fa pensare: ne sono testimone, in qualche modo protagonista; e la portata del fenomeno, ridotta come lo scartamento della ferrovia, non sminuisce per questo il valore e l'interesse che continua a suscitarmi, malgrado siano trascorsi tanti anni.
Ed è questa forse un'altra ragione che mi trattiene dal concludere la relazione per il trasferimento.
Eppure, vorrei andar via; una parte di me continua a progettare nuove istanze, ma un'altra parte le blocca sul nascere, e quando la prima sta per prendere il sopravvento e sembra finalmente arrivato il momento buono, ecco che un imprevisto manda a monte anche l'ennesimo tentativo: la chiamata di un casellante, un guasto improvviso, un ostacolo sulle rotaie, distolgono bruscamente la mia attenzione e pure stavolta non se ne farà nulla.
L'ultimo episodio, il più eclatante, si è verificato la settimana scorsa: noto, in mezzo alle solite facce dei viaggiatori abituali, un tipo che non ho mai visto prima, un signore anziano e distinto che si guarda intorno con curiosità.
Mi avvicino, e nel controllargli il biglietto approfitto per attaccare bottone.
Lui si presenta e…per poco non mi prende un accidente per la sorpresa: il direttore generale delle Ferrovie! Proprio lui in persona, in visita a un vecchio parente che abita da queste parti.
Per tutta la durata della corsa mi fa compagnia accanto al posto di guida, mostrandosi molto compiaciuto per il buono stato del treno, l'ordine nelle stazioni, la puntualità di marcia e la pulizia delle carrozze, e raccontandomi la gioia provata nel salire sopra un piccolo accelerato di campagna, proprio come ai vecchi tempi di quando era un semplice funzionario di prima nomina, destinato a sovrintendere a uno sperduto tratto periferico, in tutto simile al mio.
Mentre quello parla, penso in cuor mio che è alla fine arrivata l'occasione di chiedere il benedetto trasferimento: posso domandarlo direttamente al direttore generale, che per di più appare molto ben disposto e certamente acconsentirà; ma quello parla parla… e intanto s'avvicina il capolinea.
Ogni volta che sto per aprire bocca inizia un nuovo discorso, e io non oso interromperlo con la mia richiesta personale, così misera davanti a un superiore di tanto grado.
Insomma, per farla breve, arriviamo all'ultima stazione, scendiamo, e lui finalmente si zittisce. "Signor direttore", esordisco con una certa emozione, "vorrei" ... fii, fiiii, ciuf, fiiiiii ... fiiiiiiii ... e mentre il fischio del treno copre la mia sospirata domanda, il signor direttore mi stringe la mano di corsa, saluta e scappa via sorridendo, piantandomi lì come un cretino ...
Mah ... comunque non desisto; domani mi metterò d'impegno e scriverò una stupenda relazione, certo, domani! Senza dubbio! ...Con questo solenne proponimento, andò a letto. Sognò, come ogni notte, il bellissimo elettrotreno SL 107 X sfavillante di luci, che sfrecciava fulmineo sulla lontana linea di frontiera.

Torna in alto Andare in basso
http://www.alidicarta.it  www.babyloncafe.eu
Nuccio Pepe
Top
Top
Nuccio Pepe

Numero di messaggi : 1010
Data d'iscrizione : 13.12.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime28/4/2011, 19:18

Ben arrivato Claudio !
Leggo, dopo, con calma.


Riflessioni di un capotreno 899765
Torna in alto Andare in basso
http://www.nucciopepe.wordpress.com
Claudio Esposito
Top
Top
Claudio Esposito

Numero di messaggi : 246
Data d'iscrizione : 04.11.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime28/4/2011, 21:27

Nuccio Pepe ha scritto:
Ben arrivato Claudio !
Leggo, dopo, con calma.

Grazie! Ben trovato e felice sera
Riflessioni di un capotreno 899765
Very Happy
Torna in alto Andare in basso
http://www.alidicarta.it  www.babyloncafe.eu
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1496
Data d'iscrizione : 21.09.09

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime1/5/2011, 14:26

Ciao Claudio, niente niente sei un trenista vero?! no, lo so, ti conosco da tanto e qui la tua penna si è esibita al meglio. Un capotreno che aspetta la sua grande occasione con la paura di averla e contemporaneamente con la paura di perderla. Mica facile scrivere di queste cose. Complimenti. Rita
Torna in alto Andare in basso
Nuccio Pepe
Top
Top
Nuccio Pepe

Numero di messaggi : 1010
Data d'iscrizione : 13.12.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime1/5/2011, 16:15

Claudio conferma la sua bella scrittura ( se ce ne fosse stato bisogno!)
Descrizioni, stati d'animo, uomini e cose.
Piaciuto.
Riflessioni di un capotreno 575356
Torna in alto Andare in basso
http://www.nucciopepe.wordpress.com
dario guadagnini
Top
Top
dario guadagnini

Numero di messaggi : 96
Data d'iscrizione : 06.05.10

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime1/5/2011, 21:31

Letto con piacere, la scrittura è fluida , alcuni spunti sono pregevoli :
" immagini di una terra semplice e dimessa, che si ritraggono pudiche alla vista del convoglio "
... ed anche :
" Il trenino resta un’incongruenza, un equivoco, una indebita presenza, e i binari una lunga cicatrice incisa sul territorio, che osserva muto, addolorato e perplesso. "

Sintetiche evocazioni tradotte con bravura in gergo letterario, dosate come una spezia che diffonde in delicato sapore il racconto.




Torna in alto Andare in basso
http://papiro-dadino.blogspot.com
Claudio Esposito
Top
Top
Claudio Esposito

Numero di messaggi : 246
Data d'iscrizione : 04.11.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime4/5/2011, 20:51

dario guadagnini ha scritto:
Letto con piacere, la scrittura è fluida , alcuni spunti sono pregevoli :
" immagini di una terra semplice e dimessa, che si ritraggono pudiche alla vista del convoglio "
... ed anche :
" Il trenino resta un’incongruenza, un equivoco, una indebita presenza, e i binari una lunga cicatrice incisa sul territorio, che osserva muto, addolorato e perplesso. "

Sintetiche evocazioni tradotte con bravura in gergo letterario, dosate come una spezia che diffonde in delicato sapore il racconto.


Grazie mille Dario, Rita e Nuccio! E' un piacere leggere i vostri commenti; mi dispiace solo che non riesco più ad essere presente come prima...
Un caro abbraccio a voi tutti e, spero, a presto!

Very Happy
Torna in alto Andare in basso
http://www.alidicarta.it  www.babyloncafe.eu
Annamaria Giannini
Top
Top
Annamaria Giannini

Numero di messaggi : 1185
Data d'iscrizione : 03.11.09

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime5/5/2011, 22:18

Nuccio Pepe ha scritto:
Ben arrivato Claudio !
Leggo, dopo, con calma.


Riflessioni di un capotreno 899765

nuccio...ma possiamo postarli noi i racconti? Scusate...sono stata latitante e non ci capisco più niente.
Torna in alto Andare in basso
Annamaria Giannini
Top
Top
Annamaria Giannini

Numero di messaggi : 1185
Data d'iscrizione : 03.11.09

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime5/5/2011, 22:21

Leggo e riconosco una penna bella, che ho già ho avuto modo di apprezzare, e in questo racconto intrisa in una malinconia che esprime dolcezza. Bello. Davvero
Torna in alto Andare in basso
Nuccio Pepe
Top
Top
Nuccio Pepe

Numero di messaggi : 1010
Data d'iscrizione : 13.12.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime6/5/2011, 08:37

Cara AnnaMaria, si in questa fase di temporanea (spero vivamente !) "vacanza" di Daniela facciamo da noi.
A presto
Torna in alto Andare in basso
http://www.nucciopepe.wordpress.com
Claudio Esposito
Top
Top
Claudio Esposito

Numero di messaggi : 246
Data d'iscrizione : 04.11.08

Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime13/5/2011, 11:30

Annamaria Giannini ha scritto:
Leggo e riconosco una penna bella, che ho già ho avuto modo di apprezzare, e in questo racconto intrisa in una malinconia che esprime dolcezza. Bello. Davvero
Grazie Annamaria, troppo buona! A risentirci presto prossimamente su questi schermi... un abbraccione! Riflessioni di un capotreno 952353
Torna in alto Andare in basso
http://www.alidicarta.it  www.babyloncafe.eu
Contenuto sponsorizzato




Riflessioni di un capotreno Empty
MessaggioTitolo: Re: Riflessioni di un capotreno   Riflessioni di un capotreno Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Riflessioni di un capotreno
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: