RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Chi sono i veri mostri?

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Alfredo Canovi
Junior
Junior
Alfredo Canovi

Numero di messaggi : 19
Data d'iscrizione : 12.05.11

Chi sono i veri mostri? Empty
MessaggioTitolo: Chi sono i veri mostri?   Chi sono i veri mostri? Icon_minitime23/6/2011, 15:50

"Il mondo non è più quello che conoscevamo un tempo, le orde di mostruose creature che per millenni hanno dato vita ai nostri incubi peggiori non solo esistono, sono una moltitudine e stanno cercando di distruggerci, nessuno conosce da dove siano spuntati, si sa soltanto che sono feroci e imbattibili"
Joshua Legrand Comandante in capo delle forze armate.
E' l'alba, sono appena rientrato i casa, rorido di sangue mi getto sul divano della sala, non ho la forza di farmi una doccia e sprofondare nel morbido letto matrimoniale in camera mia, soprattutto da quando quelle bestie hanno portato via la mia cara Claudia, la dolcissima e tenera compagna di una vita… Che l'inferno li maledica!
Stasera è stata fruttuosa, sono riuscito a ucciderne tre, tra l'altro uno di loro era un mio vecchio compagno di scuola, evidentemente catturato e "convertito", ho tentennato un attimo a premere il grilletto del mio fucile perso nei ricordi di quando giocavamo insieme a football, poi il colpo è sembrato partire da solo,preciso e letale, dopotutto la guerra richiede alcuni sacrifici.
Non ho neppure fame, anche se in frigo tengo una scorta di cibo frutto dell'ultima razzia sono senza appetito; guardo attraverso le assi inchiodate a sbarrare la finestra se in giro ci sono ancora quei mostri, l'alba sembra li abbia fatti scemare ma da qualche parte ci saranno senz'altro i loro lacchè a quattro zampe che ci cercano durante il giorno.
Non sanno che abito ancora qui, non si aspettano un simile stupido gesto, che invece si sta rivelando vincente, l'importante è che non mi seguano quando rincaso e per evitare ciò faccio sempre molti giri a vuoto e naturalmente molta attenzione.
Adesso sono al buio, appoggiato su un telo copridivano logoro e macchiato, non riseco a dormire e penso al momento del loro arrivo.
C'è chi asserisce siano arrivati dallo spazio a bordo di strane navi, chi invece che siano sbucati dalle profondità della terra ma c'è anche chi crede che essi possano essere mutazioni frutto di qualche esperimento militare finito male: non lo so, so solo che io e i pochi rimasti vivi li stiamo combattendo assiduamente ma con scarsi risultati.
La mia casa è in uno dei più eleganti quartieri della città, anni fa era composto da eleganti casette stile coloniale costruite in legno laccato di bianco, con portici che avanzavano all'interno di piccoli ma curati giardini dove i bambini giocavano a pallone aspettando che la cena fosse pronta, c'era una grande confusione, un allegro vociare e schiamazzare.
Ora tutto è deserto…e muto!
Non eravamo una società perfetta, sono d’accordo, c'era ancora chi soccombeva per il bene di altri ma ci eravamo evoluti rispetto alla crudeltà dei nostri antenati ,creando una civiltà tranquilla ma forte, e come tale non vogliamo soccombere, stiamo combattendo con le residue forze quel male che ci è rovinato addosso come una slavina, lasciandoci con poche difese residue, tanto dolore nell'anima ma nessuna voglia di mollare.
La stanchezza ha il sopravvento e giunge un sonno pesante e privo di sogni.
E' di nuovo il tramonto ho dormito troppo, accidenti a questa corte giornate invernali, vorrei restare un altro poco ma devo uscire per la caccia, sento che questa sarà una proficua nottata.
Mi alzo e mi dirigo verso il frigo per farmi un veloce spuntino, mi arrotolo intorno alle spalle la cartucciera delle munizioni del mio AK 47, ormai vuota per metà, controllo che nessuno s'aggiri nei dintorni, esco dalla porta posteriore che richiudo immediatamente a chiave per poi nascondermi alla vista nella siepe attigua che ormai è divenuto un incolto cespuglio.
Imbuco lo stretto e buio viale che porta all'arteria principale della città che a quest'ora pullula di soldati nemici,voglia dare un'occhiata a quella gente, sono stanco di combattere senza sapere neppure il perché, ho bisogno di risposte più di quanto ne abbia di munizioni o cibo.
Un rumore come di una lattina vuota che rotola sull'asfalto mi mette sul chi va là, mi schiaccio dentro un'insenatura murata dove c'era un portone giusto in tempo per vedere una pattuglia nemica; sono solo due e non sembrano neppure dei peggiori, le truppe speciali fornite di armi sofisticate e di un potente esoscheletro in fibra di Kevlar che li rende invulnerabili ai colpi di fucile e anche incredibilmente forti.
Un'idea mi attraversa la mente, se sono fortunato stanotte riuscirò ad avere tutte le risposte che mi servono, trattengo il fiato perche non mi sentano, lentamente alzo il mio fucile e proprio mentre uno dei due mi passa accanto ignaro spingo con forza nel suo fianco la canna del fucile e faccio fuoco.
Il rumore del colpo risulta attutito dalla carne e dalla stoffa del soldato, nella vicina strada nessuno ha udito nulla, mi sento addosso per un solo istante lo sguardo sbigottito del suo compagno e prima che possa chiedere aiuto lo colpisco con forza con il calcio del mio fucile.
Riprende i sensi molte ore dopo, evidentemente avevo sopravvalutato la durezza dei caschi delle truppe normali, l'ho portato nella mia cantina e legato a una robusta sedia in legno dopo averlo perquisito per bene e privato di ogni residua capacità offensiva, non si sa mai!
E' un giovane ragazzo, con uno strano colorito che non ho mai visto, probabilmente vivere alla luce del sole dà una colorazione così marrone, quasi nera in contrasto con quella estremamente pallida, quasi ialina di tutte le persone che ho conosciuto finora..
"Chi, o cosa siete?" gli chiedo quasi urlando questa domanda che mi assilla fin dal loro arrivo un paio di mesi fa.
"Caporale Smith, matricola 12589774, esercito della Federazione degli Stati , pianeta Terra."
Questa la sua laconica risposta, ma non mi basta, la rabbia sta crescendo, e non è una bella cosa per il mio "ospite"."
"Non mi interessa da quale pianeta venite, perché ci state massacrando?"
Il furore si sta possedendo di me, le zanne cominciano a crescere a dismisura, gli occhi sono rotolati all'indietro lasciando intravedere unicamente la cornea giallastra, retaggio del nostro passato di cacciatori, quando vivevamo selvaggi nelle praterie notturne di Valadia cacciando i Wonx.
Mi trattengo a fatica dallo squarciargli la gola e bere il suo sangue ancora caldo…dopo, forse, prima mi servono delle risposte.
Il mio prigioniero spalanca terrorizzato gli occhi, urlando una inutile richiesta di aiuto, la visione però gli ha sciolto la lingua, comincia infatti a parlare.
"Vampiri, aveva ragione il comando delle forze speciali, siete un pianeta di vampiri!"
"Cosa è un vampiro" ribatto con la voce roca che sembra arrivare dall'inferno.
"Tu,…voi…" bofonchia il ragazzo in preda a una crisi di panico.
Mi calmo, ritorno al mio solito aspetto civilizzato e ripropongo la domanda:
"Cosa è un vampiro?"
Lo sguardo del ragazzo si riempie di stupore, riflette tra sé e sé per un attimo poi parla.
"Nella nostra mitologia il vampiro è un essere della notte, un non-morto che dopo il tramonto esce dalla bara e va alla ricerca di vittime da uccidere bevendo loro fino all'ultima goccia di sangue e maledicendole per sempre, infatti costoro diventeranno a loro volta vampiri, esseri senza anima che per primi si nutriranno di parenti, amici e anche dei propri figli."
"Quindi voi ci avete sterminato perché eravamo simili alla iconografia dei vostri incubi??
Avete massacrato una popolazione inerme di donne e bambini solo per paura?"
Ero incredulo, il prigioniero scorse nel mio sguardo la tristezza di questa assurdità e come per scusarsi spiegò.
"Noi veniamo da un pianeta distante solo un mese luce da voi, da un sistema solare prossimo.
I nostri esploratori ci avevano riferito che il vostro pianeta era infestato da vampiri, che probabilmente avevano sopraffatto inermi abitanti soggiogandolo interamente, quindi hanno pensato bene di "disinfestarlo", come azione preventiva"
La testa mi gira, sono millenni che abitiamo queste terre, con le nostre abitudini e i nostri corpi, plasmati dalle avversità del nostro mondo, adesso non cacciamo più i Wonx, li alleviamo in grandi fattorie e imbottigliamo il loro sangue, il nostro nutrimento, e lo vendiamo nei mercati.
Quasi mi verrebbe da ridere se non fosse tragica, siamo stati sterminati unicamente perché assomigliamo a qualche pauroso e leggendario personaggio di quel pianeta malvagio.
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1493
Data d'iscrizione : 21.09.09

Chi sono i veri mostri? Empty
MessaggioTitolo: Re: Chi sono i veri mostri?   Chi sono i veri mostri? Icon_minitime24/6/2011, 16:20

se si guarda sotto un aspetto realistico, questa storia è la storia di guerra ordinaria, si uccide per non essere uccisi, ultimamente quasi sempre per una diversità culturale e ognuno crede di essere dalla parte giusta. Bravo Alfredo.
Torna in alto Andare in basso
Alfredo Canovi
Junior
Junior
Alfredo Canovi

Numero di messaggi : 19
Data d'iscrizione : 12.05.11

Chi sono i veri mostri? Empty
MessaggioTitolo: Re: Chi sono i veri mostri?   Chi sono i veri mostri? Icon_minitime24/6/2011, 17:58

Grazie tante, cara Rita.
Volevo in questo semplice racconto evidenziare che la guerra non ha vincitori o vinti, buoni o cattivi, essa è la sconfitta del buon senso, e ritengo che identificare nell'amico, nel "buono"in colui che ha subito il torto, una creatura con i tratti somatici di un mostro, secondo i nostri parametri, non giustifichi alcun atto di aggressione.
La paura è probabilmente il miglior propellente per i proiettili dei cannoni.
Torna in alto Andare in basso
Lara Kelly
Top
Top
Lara Kelly

Numero di messaggi : 751
Data d'iscrizione : 28.05.10

Chi sono i veri mostri? Empty
MessaggioTitolo: Re: Chi sono i veri mostri?   Chi sono i veri mostri? Icon_minitime27/6/2011, 12:47

Quanto è vero.
mi riferisco ai commenti.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Chi sono i veri mostri? Empty
MessaggioTitolo: Re: Chi sono i veri mostri?   Chi sono i veri mostri? Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Chi sono i veri mostri?
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: