RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Fawzia Koofi

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

Fawzia  Koofi Empty
MessaggioTitolo: Fawzia Koofi   Fawzia  Koofi Icon_minitime18/7/2011, 01:30

Fawzia Koofi e' un'attivista per i diritti umani e parlamentare afgana.

Il giorno in cui Fawzia Koofi nacque, sua madre la espose al sole bruciante dell'Afghanistan affinche' morisse. Era la diciannovesima nascita in una famiglia con sette mogli (il totale dei figli sarebbe poi ammontato a 23) e sua madre non voleva un'altra femmina. Nonostante le terribili ustioni, le cui cicatrici l'avrebbero accompagnata sino all'adolescenza, Fawzia sopravvisse e divenne per sua madre la figlia prediletta.
Quando il padre, un uomo politico tradizionalista, fu assassinato dai mujahedin, la madre analfabeta di Fawzia decise di mandare la figlia ormai decenne a scuola; mentre la guerra civile infuriava, Fawzia schivava pallottole vaganti e cecchini e presenziava inflessibilmente alle lezioni, conscia di essere la prima persona della sua famiglia che stava ricevendo un'istruzione.
Successivamente sposo' l'uomo che amava ed ebbe due figlie desiderate, Shohra e Shahrazad. L'ascesa al potere dei talebani mise fine alla sua liberta', ma non alla sua volonta' di contrastare l'ingiustizia e di realizzare i suoi sogni. Cosi' Fawzia divenne una donna politica. Ha lavorato per l'Unicef e per svariate ong come difensora dei diritti umani di donne e bambini. E' attualmente membro del parlamento afgano e correra' per la presidenza del paese nel 2014.
Tutto questo lo racconta in "Lettere alle mie figlie", che sta scrivendo assieme a Nadene Ghouri, giornalista che ha lavorato per la Bbc e Al Jazeera: "Il mio libro e' in realta' una lettera al mondo. Alcuni lettori potranno trovare la mia storia triste o deprimente, o forse troppo personale perche' solleva questioni relative alla mia famiglia ed alla mia vita. In piu', potrebbero esserci persone a cui non piacera' la natura rivelatrice di quanto ho da raccontare sulle donne e sulla mia comunita': alcuni diranno che mi lamento o che tradisco. Ma e' un rischio che mi sento di assumere a beneficio del mio bellissimo paese, il nostro Afghanistan. Quando una donna obietta rispetto alla vita che conduce e' considerata una disgrazia per la sua famiglia, ma io l'ho fatto ugualmente. Ho esposto il mio cuore, rivelando in onesta' e integrita' la verita' del mio viaggio. Ho percorso una lunga strada irta di difficolta', sfide e tristezze, dai miei umili inizi quale figlia femmina in una societa' misogina che non da' valore alle voci femminili, fino ad essere una voce per la vulnerabile e vittimizzata comunita' delle donne afgane di oggi. La mia lotta e' cominciata il giorno in cui sono nata".
"Lettere alle mie figlie non e' la storia della mia vita. E' la storia della vita di ogni donna afgana. Ho documentato la nostra storia di vita per disegnare una chiara immagine delle nostre lotte, di modo che il mondo capisca cosa stiamo passando e cosa e' effettivamente minacciato. Questa storia e' come un oceano che mi sono portata sulle spalle per decenni, per l'intera mia esistenza. Ho sentito che era il momento giusto per renderla in parole".
Da "La nonviolenza è in cammino" di Peppe Sini.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
 
Fawzia Koofi
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: