RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 com'è bella Roma d'inverno

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1493
Data d'iscrizione : 21.09.09

com'è bella Roma d'inverno Empty
MessaggioTitolo: com'è bella Roma d'inverno   com'è bella Roma d'inverno Icon_minitime9/7/2019, 13:20

Com’è bella Roma d’inverno!


Brrr, che freddo, ma chi me l’ha fatto fare di uscire con questo tempo. Sì, già, ma mica posso stare sempre in casa, finirei per assomigliare ad una vecchia poltrona.
Magari a fiori.
Però, com’è bella Roma. Con questo freddo poi l’aria è davvero trasparente, tutto sembra più nitido, brillante e sincero.
Percorro le solite strade, cerco di vederle con occhi nuovi, come se le guardassi per la prima volta e riesco a stupirmi ancora di tanta bellezza.
Quando ero ragazza passavo sempre di là; c’era un giovanotto che mi piaceva, poi ho saputo che faceva il palo, mica aspettava me, no, infatti è finito dentro.
Strano, mi sembra che ci sia in giro meno gente del solito. Strano soprattutto perché è il sabato prima del Natale.
Si vede davvero che soldi in giro ce ne sono sempre meno, anche i negozi, una volta affollati sotto le feste, sono quasi vuoti. Le persone che chiedono l’elemosina invece sono in aumento, segno dei tempi brutti e difficili.
Immagino genitori che non possono permettersi regali costosi per i figli e temono di scontentarli.
Deludere i figli: angoscia dei tempi moderni.
Io non ho nessuno da deludere, non so se sia una fortuna o una disgrazia. Sono sola come un cane
Ed è forse per questo motivo che vado in giro con questo freddo, per stare con la gente e far finta di dovere andare da qualche parte.
La portiera dice che rischio, sono vecchia e magari qualcuno mi potrebbe scippare; non le ho mai detto che i soldi li tengo con i documenti in una sacchettina legata al collo e nascosta sotto il maglione. Nella borsetta c’è solo il fazzoletto, pochi spiccioli e altre cianfrusaglie.
Ah, c’è anche quella signora anziana che da tempo vedo immobile alla fermata dell’autobus. Non ha una bella faccia, sembra sempre più triste. Ho il dubbio che anche lei appartenga alla recente umanità che chiede l’elemosina, ma sinceramente non capisco bene la situazione.
Non l’ho mai vista chiedere, ma l’atteggiamento è quello; forse si vergogna, forse non ci ha ancora fatta l’abitudine. A volte sarei tentata di darle qualcosa, ma se poi fosse solo la mia immaginazione, che bella figura farei, e che offesa a lei!

“Signora, signora, come si sente? Coraggio, ora chiamiamo i carabinieri…”
E’ lei che mi parla. Sono intontita, non capisco cosa ci faccio lunga distesa a terra, mi fa male la testa, la schiena ed il braccio.
“Ma che è stato?”
“Signora mia l’hanno scippata. E’ stato un ragazzo che le correva dietro e lei non se n’è nemmeno accorta.”.
Infatti la borsetta non c’è più.
“Gesù, come mi dispiace per lei, di questi tempi i soldi a noi vecchi non bastano più e poi …siamo anche a Natale, che cattiveria. Non c’è proprio più rispetto”.
Lei continua a parlarmi, cerca di rimettermi in piedi e consolarmi. E’ la sola che mi soccorre; altri ci passano vicino e non si fermano nemmeno, uno scippo ad una vecchia non è poi così interessante.
“No, non importa chiamare i carabinieri, non mi sono fatta nulla e nella borsa non c’era nulla d’importante”.
Mentre le parlo, tasto la sacchettina sotto il maglione, c’è sempre. Malignamente penso che ho fregato il povero bastardello, chissà cosa ci farà con il mio fazzoletto.
Guardo negli occhi questa vecchia, che forse ha la mia età e le mie pene, la sento sorella e mi viene spontaneo invitarla a prendere un caffè al bar, con la scusa di rimettermi dallo spavento.
Lei sembra molto sorpresa, ma gli occhi le brillano di riconoscenza, sembra quasi che si vergogni di essere contenta di questo piccolo invito, nemmeno l’avessi invitata ad un ballo al castello.
Infilo il mio braccio sotto il suo con improvvisa confidenza, come se ci conoscessimo da sempre, l’una grata all’altra per questa breve pausa dalla solitudine.
Non so perché, sento il cuore che mi si allarga, come un lago di pace.

Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

com'è bella Roma d'inverno Empty
MessaggioTitolo: Re: com'è bella Roma d'inverno   com'è bella Roma d'inverno Icon_minitime9/7/2019, 13:32

Ripasso stasera, ho letto velocemente questo scenario di oggi di tanta, troppa solitudine.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

com'è bella Roma d'inverno Empty
MessaggioTitolo: Re: com'è bella Roma d'inverno   com'è bella Roma d'inverno Icon_minitime14/7/2019, 19:17

Essere soli in mezzo agli altri, il senso di smarrimento, la solidarietà perduta. Quanto ci sarebbe da dire su queste figure che sono in mezzo a noi ma che non percepiamo. E basterebbe davvero poco: infilare la mano sotto il braccio dell'altra per sentirsi meno soli.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1493
Data d'iscrizione : 21.09.09

com'è bella Roma d'inverno Empty
MessaggioTitolo: Re: com'è bella Roma d'inverno   com'è bella Roma d'inverno Icon_minitime14/7/2019, 22:28

la tentazione di farlo è normale, come il
timore di essere inopportuni. Forse è per questo che ognuno vive in una bolla tutta sua. Rolling Eyes
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




com'è bella Roma d'inverno Empty
MessaggioTitolo: Re: com'è bella Roma d'inverno   com'è bella Roma d'inverno Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
com'è bella Roma d'inverno
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: