RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Dopo una notte insonne.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime29/11/2009, 10:27

Meno male che oggi è domenica.
Mettiamo che invece oggi è già lunedì. Mi suona la sveglia, l’odiosa suoneria del cellulare usato allo scopo. Non ce l'ho più da tempo una radiosveglia come si deve, l’ultima cadde nel tentativo affannoso di spegnerla. Oggi un po' me frego, ma domani invece sarebbe più o meno così.
Salto giù dal letto. E' già tardi. Ma come, se mi sono svegliato adesso? E' già tardi lo stesso. Via via, accendere la macchinetta del caffé, per mia moglie quando si alzerà. Guai se la trova fredda. Mettere sul gas il bricchettino per il teè, prima corsetta urgente in bagno. Accendere il PC, caso mai qualcuno nella notte m'ha scritto: nessuno, come sempre! Il bricchetto già borbotta, bisogna spengnere. Già una volta gli ho fuso il manico. 4/5(…dieci) biscotti e via di nuovo, cercare nell'ordine: paio mutande, canottiera, camicia e calzini. Sono i calzini che mi fregano sempre. DOVE SONO I CALZINI, KZZ.? Lo urlo solo nella mente, guai se si sveglia lei: mi sarei giocato il bagno. Alla fine li trovo, sempre in un altro cassetto. Lo fa apposta, non so perché ma lo fa apposta. Mi cambia sempre il cassetto dei calzini. Ne riparleremo, ah se ne riparleremo. Ma adesso non c’è tempo. Via via, è tardissimo: sotto la doccia! Asciugatina veloce. Non ho regolato la barba, pazienza. Lo farò domattina. Le do un quasi inutile bacio, tanto non lo sente nemmeno, e le dico “Amore… io vado, guarda che son già le sette e mezzo”. Lei mi risponde, sempre uguale “ mh… eh..? ancora due minuti, ronf”. Esco e corro per non beccare il camion che svuota i cassonetti, lo fa apposta quel camiondelcazzo lì a bloccarmi la strada, ci gode quando vede che ho fretta a rallentarmi il traffico. Il t-ciaaffico! Ma che si son tutti alzati a quest’ora? Guarda questi due qua, avranno settant’anni, hanno proprio bisogno d’andarci a venti all’otto a far la spesa? Macchina lucida, vicini-vicini nei loro cappottini, rigorosamente a trenta all’ora. Vai, uno slarghetto, fiondo la macchina, il motore romba, e rientro a bomba. M’hanno fatto beccare il rosso lo stesso, maledetti!
E questo qui, che faa!? Ma che faa-A?? E che si ferma a far passare la vecchia sulle strisce, c’ha anche il bastone questa qua. Quelle col bastone non le devi far passare, demente, ci impiegherà mezzo minuto buono a far due strisce! Un mezzo minuto preziosissimo che mi potrebbe essere utile quando arriverò a scavalcare “LA GRANDE ROTONDA DELL’OSMANNORO”, un luogo franco dove il codice stradale non è in vigore. Diosanto, è tardissimo. Ci vorrebbe uno scooter, si uno di quelli scooteroni da cinquanta cavalli. Poi gli farei vedere io a questi perditempo incolonnati. Vai, finalmente passo lo svincolo del ponte all’indiano. SONO SUL VIADOTTO! Limite a sessanta orari. Ma chi se ne frega, dico io, del limite. Vanno tutti a centodieci. Basta solo stare pronti per la maxi frenata-collettiva-calcolata di fronte al multavelox dello svincolo dei pompieri. Mentre passo lo guardo e sorrido, non si sa mai tante volte ci scappasse una foto. Me li hanno presi ora sei puntazzi dalla patente, non si azzarderanno ancora. Via via, sono gia quasi in fondo a Via Canova, non mi pare vero. Ma che c’è, ma che c’è, ancora! Un’ambulanza, ferma con le porte spalancate. Ma dico io, ce l’avranno il permesso di carico e scarico per fermarsi così ad intralciare il traffico? Va be’, è andata. Anche questa mattina non ce l’ho fatta. Mi farò controllare la macchina, non va manco a pigiarla.
Meno male che è domenica, oggi.
Torna in alto Andare in basso
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Re: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime29/11/2009, 11:37

Torna in alto Andare in basso
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1352
Data d'iscrizione : 27.01.09

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Re: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime29/11/2009, 12:22

Ma guarda che tipo aei! Posso darti un consiglio? Cioè 2
1-mettiti a posto da solo i calzini così li ritrovi
2-e alzati un po' prima diamine!
baci sparsi
PS mio marito al mattino non mi sveglia più ,la mia risposta era sempre sgrunf Smile
Torna in alto Andare in basso
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1352
Data d'iscrizione : 27.01.09

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Re: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime29/11/2009, 12:23

BUONA DOMENICA!!
Torna in alto Andare in basso
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Re: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime29/11/2009, 12:51

Non è colpa miaaaa!
E' il t-ciaffico! Dopo una notte insonne. 81930
Torna in alto Andare in basso
Rosario Albano
Star
Star
Rosario Albano

Numero di messaggi : 1464
Data d'iscrizione : 29.09.08

Dopo una notte insonne. Empty
MessaggioTitolo: Re: Dopo una notte insonne.   Dopo una notte insonne. Icon_minitime30/11/2009, 11:16

GeF ha scritto:
Meno male che oggi è domenica.
Mettiamo che invece oggi è già lunedì. Mi suona la sveglia, l’odiosa suoneria del cellulare usato allo scopo. Non ce l'ho più da tempo una radiosveglia come si deve, l’ultima cadde nel tentativo affannoso di spegnerla. Oggi un po' me frego, ma domani invece sarebbe più o meno così.
Salto giù dal letto. E' già tardi. Ma come, se mi sono svegliato adesso? E' già tardi lo stesso. Via via, accendere la macchinetta del caffé, per mia moglie quando si alzerà. Guai se la trova fredda. Mettere sul gas il bricchettino per il teè, prima corsetta urgente in bagno. Accendere il PC, caso mai qualcuno nella notte m'ha scritto: nessuno, come sempre! Il bricchetto già borbotta, bisogna spengnere. Già una volta gli ho fuso il manico. 4/5(…dieci) biscotti e via di nuovo, cercare nell'ordine: paio mutande, canottiera, camicia e calzini. Sono i calzini che mi fregano sempre. DOVE SONO I CALZINI, KZZ.? Lo urlo solo nella mente, guai se si sveglia lei: mi sarei giocato il bagno. Alla fine li trovo, sempre in un altro cassetto. Lo fa apposta, non so perché ma lo fa apposta. Mi cambia sempre il cassetto dei calzini. Ne riparleremo, ah se ne riparleremo. Ma adesso non c’è tempo. Via via, è tardissimo: sotto la doccia! Asciugatina veloce. Non ho regolato la barba, pazienza. Lo farò domattina. Le do un quasi inutile bacio, tanto non lo sente nemmeno, e le dico “Amore… io vado, guarda che son già le sette e mezzo”. Lei mi risponde, sempre uguale “ mh… eh..? ancora due minuti, ronf”. Esco e corro per non beccare il camion che svuota i cassonetti, lo fa apposta quel camiondelcazzo lì a bloccarmi la strada, ci gode quando vede che ho fretta a rallentarmi il traffico. Il t-ciaaffico! Ma che si son tutti alzati a quest’ora? Guarda questi due qua, avranno settant’anni, hanno proprio bisogno d’andarci a venti all’otto a far la spesa? Macchina lucida, vicini-vicini nei loro cappottini, rigorosamente a trenta all’ora. Vai, uno slarghetto, fiondo la macchina, il motore romba, e rientro a bomba. M’hanno fatto beccare il rosso lo stesso, maledetti!
E questo qui, che faa!? Ma che faa-A?? E che si ferma a far passare la vecchia sulle strisce, c’ha anche il bastone questa qua. Quelle col bastone non le devi far passare, demente, ci impiegherà mezzo minuto buono a far due strisce! Un mezzo minuto preziosissimo che mi potrebbe essere utile quando arriverò a scavalcare “LA GRANDE ROTONDA DELL’OSMANNORO”, un luogo franco dove il codice stradale non è in vigore. Diosanto, è tardissimo. Ci vorrebbe uno scooter, si uno di quelli scooteroni da cinquanta cavalli. Poi gli farei vedere io a questi perditempo incolonnati. Vai, finalmente passo lo svincolo del ponte all’indiano. SONO SUL VIADOTTO! Limite a sessanta orari. Ma chi se ne frega, dico io, del limite. Vanno tutti a centodieci. Basta solo stare pronti per la maxi frenata-collettiva-calcolata di fronte al multavelox dello svincolo dei pompieri. Mentre passo lo guardo e sorrido, non si sa mai tante volte ci scappasse una foto. Me li hanno presi ora sei puntazzi dalla patente, non si azzarderanno ancora. Via via, sono gia quasi in fondo a Via Canova, non mi pare vero. Ma che c’è, ma che c’è, ancora! Un’ambulanza, ferma con le porte spalancate. Ma dico io, ce l’avranno il permesso di carico e scarico per fermarsi così ad intralciare il traffico? Va be’, è andata. Anche questa mattina non ce l’ho fatta. Mi farò controllare la macchina, non va manco a pigiarla.
Meno male che è domenica, oggi.

Delizioso quadretto di dannatio italica
Gef!!