RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Il cioccolato.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sandro Theta
Junior
Junior
Sandro Theta

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 30.08.09

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime7/12/2009, 22:59

Il cioccolato.


Nella mia famiglia vigeva una prassi inderogabile: ogni scelta, ogni precetto, diveniva ammissibile solamente dopo aver superato il vaglio di un codice istituzionale. Non ho mai capito esattamente originato da cosa, ma c'era. Né erano chiare e definite le forme dell’esame, ma, comunque, se qualcosa doveva essere detto o fatto, ciò avveniva esclusivamente in forza dell’imprimatur indiscutibile originato dal Codice. E quando lo definisco istituzionale intendo che i suoi principi erano di carattere "pubblico", cioè dovevano essere sostenibili verso l'esterno, come se ogni atto compiuto in casa dovesse apparire legittimo ed indiscutibile anche se visto dall’esterno. Ora si usa la nozione di "atto politicamente corretto": nella mia famiglia era così fin da quando ero bambino.

Come conseguenza, se entrava a far parte del codice familiare un certo elemento (quale che ne fosse l'origine), esso non poteva essere messo in discussione: era così e basta, diveniva un dogma. La natura istituzionale del precetto consisteva esattamente in questo: nel non poter essere suscettibile di censura in ambito domestico, in quanto la logica familiare soccombeva innanzi a quella pubblica-istituzionale. E di certo non potevo metterlo in discussione io, che ero il secondogenito; maschio perdipiù, con una sorella maggiore ed una minore. Eh sì, perchè uno dei cardini del codice familiare progressista e politicamente corretto era che "le donne sono meglio degli uomini" e, comunque, "fra i desideri di una femmina e quelli di un maschio si deve dare precedenza ai primi". Era la consacrazione del politicamente corretto applicato al principio indiscutibile dell'emancipazione della donna, oppressa da millenni di persecuzione maschile. Come se la colpa fosse mia.

Io, di mio, ero un bambino quasi normale, ma con questo sistema familiare si fece di tutto per farmi deviare.

Uno dei suddetti dogmi familiari riguardava la cioccolata, e così recitava: "il vero cioccolato è quello fondente. Punto. Il cioccolato al latte è roba per degenerati." Non so da dove provenisse, ma era così, punto e basta. Non era ammessa obiezione.

Come ho detto, io ero quasi normale e, pur accettando acriticamente il dogma (era impensabile contraddirlo), coltivavo segretamente il mio pensiero deviante che potrei così riassumere: "questo (il cioccolato fondente) è amaro e quindi è cattivo; questo (il cioccolato al latte) è dolce e quindi è buono". Non è che osassi affermarlo apertamente, guai a me se lo avessi fatto, ma cercavo forme indirette di insubordinazione al dogma. La principale consisteva nel manifestare un tiepido disappunto quando, scartando un uovo di Pasqua, scoprivo che era di cioccolato fondente e non al latte. In tali occasioni, abusando del clima festoso, mi rammaricavo, suscitando la benevola riprovazione di tutti (genitori, zii, nonni, sorelle e buona parte del complice vicinato). Nel pur giulivo clima pasquale, venivo deriso e bonariamente commiserato, e tutti mi ricordavano che "il vero cioccolato è quello fondente", con l’aria dell’insegnante che ripete per la centomillesima volta all’allievo somaro la tabellina del due. Alcuni scuotevano il capo, pensando alla sventura capitata alla mia famiglia, cui era capitato di avere al proprio interno un tale depravato. Gli sguardi si incrociavano in un misto di cupa preoccupazione e di rassegnazione, come se quelle mie frasi fossero la premessa di un mio sicuro ed infelice futuro che avrebbe portato l'intera famiglia alla rovina. Ovviamente io mi sentivo un essere inferiore, un deficiente, un subumano, un degenerato, un mentecatto. Mi dicevo: "se non so neppure distinguere il vero cioccolato da quello fasullo, come potrò affrontare la vita, distinguere il bene dal male? Il giusto dall’ingiusto?" Il mio pensiero, ovviamente, non era così precisamente formulato, ma la sostanza era proprio questa.

Adiacente alla nostra abitazione vi era un laboratorio artigianale che, guarda caso, produceva cioccolato, ed irresistibili fumi aromatici salivano spesso alle finestre. Il titolare offriva ai vicini la possibilità di acquistare cioccolato a prezzo di costo e, talvolta, mio padre scendeva dabbasso e faceva scorta di stecche, che venivano riposte nella dispensa, a disposizione di tutti. Ovviamente le acquistava in proporzioni conformi al dogma: cinque stecche di cioccolato fondente e una di cioccolato al latte "per quel degenerato di S." (S. sono io). Nessuno diceva apertamente "degenerato", ma il senso era quello.

Io ero diviso fra il rammarico per vedere una sola stecca di cioccolato al latte (ma sapevo che era una commiserevole concessione e non concepivo che si potesse protestare) e la consolazione di sapere che quella unica stecca era per me. "Bene, quando avrò voglia di cioccolato, andrò a prendermi la mia barretta di cioccolato, quello dolce".

Però, con mio stupore e disappunto, accadeva sempre uno strano fenomeno. La stecca di cioccolato al latte si consumava con una rapidità sospetta, mentre le stecche fondenti rimanevano intonse. Ma come mai - mi chiedevo - se quella al latte è scadente, si consuma così in fretta? Forse i miei familiari si sacrificano: per non consumare quella buona (fondente) e lasciarla agli altri, mangiano quella al latte. E allora io dovrei fare lo stesso? Mangiare quella fondente per spirito di sacrificio? Ma se loro si sacrificano mangiando quello al latte invece di quello fondente che preferiscono, ed io parimenti mi sacrifico mangiando quello fondente, finisce che tutti mangiano a schifo. Insomma: ero combattuto e fortemente perplesso.

Sta di fatto che dopo un giorno la stecca di cioccolato al latte era finita, ed io ne avevo mangiata si e no una listarella, mentre rimanevano in bella vista, pressocché intatte, le stecche di cioccolato fondente. Allora prendevo coraggio e protestavo:
- Ma la mia cioccolata è finita!
- Ma cosa dici? A parte che la cioccolata è di tutti, ce ne sono cinque stecche!
- Ma sono quelle fondenti!
- Appunto. Sono le migliori.
E la discussione finiva lì.

Ma la squisita cioccolata fondente rimaneva al suo posto, nella dispensa, e si esauriva lentamente, col tempo, nell’arco di svariate settimane, quasi per consunzione. Ogni tanto venivo colto dal desiderio di richiedere nuove acquisizioni di cioccolato al latte, ma sapevo che l’istanza non avrebbe trovato accoglimento. Solo dopo settimane arrivava una nuova scorta, sempre della stessa composizione, e la storia si ripeteva.

Poi, crescendo e diventando adolescente, mi venne il sospetto che altri membri della famiglia derogassero segretamente al dogma. Che anche loro ritenessero che "quella dolce è buona mentre quella amara è cattiva". Ma ormai era tardi per scoprire la verità. Il delitto, se anche vi era stato, era ormai prescritto.

Però una conseguenza è rimasta. Di quel dogma e di mille altri simili che vigevano in famiglia. Quando mi trovo davanti a una scelta, e il desiderio mi spinge in una direzione, io prendo quella opposta.


Ultima modifica di ussaro il 8/12/2009, 15:19, modificato 3 volte
Torna in alto Andare in basso
http://www.sentieriepensieri.wordpress.com
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime7/12/2009, 23:20

Citazione :
"fra i desideri di una femmina e quelli di un maschio si deve dare precedenza ai primi"

ma questo solo a casa tua!


(continuo...)

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime7/12/2009, 23:30

Scoprirti in prosa è una sopresa da una parte, anche se già sapevo che a scrivere sei bravo. La sorpresa non sta tanto in questo, ma nel fatto che ci regali un pezzettino di te. Ed a me, che ti conosco, mi quadri un poco il cerchio di te, S., del perché sei sempre in direzione ostinata e contraria, uno dei motivi per cui - e diaciamolo - sei diventato un mio carissimo amico. Chissà perché ho la sensazione che tu, il cioccolato fondente al peperoncino non l'hai mai assaggiato...
Posso dirti, senza troppi giri di parole, che questa tua pagina mi è piaciuta? Grazie, S.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime7/12/2009, 23:30

e leggi gli MP!

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Mario Malgieri
Star
Star
Mario Malgieri

Numero di messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 12.05.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime8/12/2009, 10:28

Non ti conosco in poesia (non ne leggo, almeno non l'ammetterò mai pubblicamente Wink ), ma in prosa ti difendi che è un piacere!
Torna in alto Andare in basso
Nuccio Pepe
Top
Top
Nuccio Pepe

Numero di messaggi : 1010
Data d'iscrizione : 13.12.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime8/12/2009, 17:34

Bravo Ussaro ( S.) !
Ho gustato il tuo brano come una barretta di cioccolato al latte dopo averne finita una di fondente.
Il principio essenziale è sulla bontà del cioccolato, sulle variabili si può discutere.
E' come il viaggio per me. L'importante è viaggiare se poi scegli di andare in una capitale, in una città d'arte o in patagonia ....

Il cioccolato. 899765
Torna in alto Andare in basso
http://www.nucciopepe.wordpress.com
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime8/12/2009, 19:12

Il tuo modo di scrivere qui mi piace molto.
A tratti infatti mi immaginavo a leggerla a voce alta questa tua pagina, e questo di solito mi succede quando lo scorrere dei periodi è agevole e ben distribuito. E' un po' presto per dire se mi piace tutto di quello che scrivi, finora ho letto ben poco e questa è la prima prosa in assoluto però, se è vero che è la prima impressione conta, sono convito che leggeremo ancora molte tue cose belle.
Torna in alto Andare in basso
Sandro Theta
Junior
Junior
Sandro Theta

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 30.08.09

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime8/12/2009, 20:23

Ringrazio Daniela, Mariovaldo, Nuccio e Giampiero per i commenti lusinghieri al mio scritto. Grazie del benvenuto che mi date e dell'accoglienza in questo sito.
Torna in alto Andare in basso
http://www.sentieriepensieri.wordpress.com
Ospite
Ospite



Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime8/12/2009, 23:02

si chiamano regole
fanno parte del nostro retaggio
e la ribellione quando avviene
non è che sia poi così soddisfacente
benvenuto
l.
Torna in alto Andare in basso
Susanna Costa
Top
Top
Susanna Costa

Numero di messaggi : 366
Data d'iscrizione : 27.03.09

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 00:00

Ci hai regalato una pagina dolce/amara. Una pagina che ha un gusto particolare: quello dell'infanzia, dei ricordi e del perché poi saremo. Bello leggerti Ussaro (S.). Ma ero convinta che sarebbe stato così.. :-)
Torna in alto Andare in basso
Claudio Esposito
Top
Top
Claudio Esposito

Numero di messaggi : 246
Data d'iscrizione : 04.11.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Il cioccolato   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 11:13

Bravo Ussaro, bello il tuo racconto. Complimenti.
Le regole familiari a volte sono pesanti da sopportare per i figli, però ai giorni nostri, forse, c'è l'eccesso opposto: i ragazzi sono disorientati e perplessi proprio dall'assenza di regole basilari, importanti per la loro formazione, soprattutto in un periodo come quello attuale, di crisi dei valori e degli ideali.
Ciao, benvenuto e a presto, Claudio
Very Happy
Torna in alto Andare in basso
http://www.alidicarta.it  www.babyloncafe.eu
Natascia Prinzivalli
Star
Star
Natascia Prinzivalli

Numero di messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 13.12.07

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 18:40

le regole, che tristezza. Complimenti per il brano

____nat

_________________
" Si nasce sempre sotto il segno sbagliato e stare al mondo in modo dignitoso vuol dire correggere giorno per giorno il proprio oroscopo."
Torna in alto Andare in basso
http://www.bedo.it/allaricercadeltempop/
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 18:41

(Nat, hai una firma deliziosa Molto felice )

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 18:45

Ussaro, posso una cosa? Massì, anche perchè lo dico a te ma vale per tutti, una domanda per tutti intendo:

ci vuole o non ci vuole il punto nel titolo?

leggerò le risposte after the nigh, i'm going at home

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Natascia Prinzivalli
Star
Star
Natascia Prinzivalli

Numero di messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 13.12.07

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime9/12/2009, 19:31

Daniela Micheli ha scritto:
(Nat, hai una firma deliziosa Molto felice )



Una firma latitante, spero di porre rimedio

____nat

_________________
" Si nasce sempre sotto il segno sbagliato e stare al mondo in modo dignitoso vuol dire correggere giorno per giorno il proprio oroscopo."
Torna in alto Andare in basso
http://www.bedo.it/allaricercadeltempop/
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime10/12/2009, 08:18

sembra un brano scherzoso, ma parla di mancanza di libertà, quindi un brano amaro come il cioccolato fondente!
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Il cioccolato. Empty
MessaggioTitolo: Re: Il cioccolato.   Il cioccolato. Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Il cioccolato.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: