RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Era mio padre

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1352
Data d'iscrizione : 27.01.09

Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime24/2/2010, 22:13

Le sere d'estate si restava all'aperto fino alle undici . Era quella l'ora in cui l'aia si spopolava e gli uomini e le donne del borgo si ritiravano e tornavano a casa per andare a dormire. Le otto ore di sonno erano indispensabili se si voleva riuscire il giorno dopo a lavorare nei campi. Era un lavoro duro quello, dall'alba al tramonto, l'unico orologio che si guardava era il sole. Si lavorava con la luce e si smetteva quando questa andava giù
I contadini tornavano a casa stravolti dalla stanchezza,la pelle bruciata dal sole, le rughe scavate dalla fatica, pregustando finalmente qualche ora di sosta. Ed era così che dopo cena ci si ritrovava tutti nello stesso cortile. I primi ad arrivare erano gli uomini ed i bambini, per le donne c'erano ancora da fare le ultime faccende in casa e da sistemare le galline al riparo per la notte.
Ci si sedeva sul “trave” in fila uno vicino all'altro e si chiacchierava della giornata , dei conoscenti comuni, dei nuovi nati e di quelli che se n'erano andati in grazia del Signore. Alla luce dell'unico lampione i visi si mimetizzavano con l'oscurità. Qualcuno si arrotolava da fumare: con gesti sicuri prendeva la bustina del tabacco dalla tasca, poi quella delle cartine. Le dita incallite arrotolavano con singolare destrezza la sigaretta. Poi con un fiammifero di legno si accendeva e si aspirava la prima boccata con evidente piacere. Nel buio si vedevano braci incandescenti brillare più vigorosamente ad ogni nuova tirata. Lumi che danzavano nel buio .
A volte si faceva musica. In quella sperduta frazione di contadini erano tutti musicisti. Carletto suonava la fisarmonica, Gnocco e Balin il violino, Carluccio la chitarra .Non è ben chiaro dove avessero studiato, si sapeva che Carletto era stato a lezione dal maestro Lavagnino che fu un grande musicista e compositore . Certo è che ci doveva essere una vena musicale genetica perché non si era mai vista una comunità così piccola che vantasse tanti musicisti. Quando suonava Carletto il cortile diventava una pista da ballo. Tutti danzavano , le donne se non avevano il cavaliere si univano alle amiche, i bambini felici ridevano e volteggiavano seguendo il ritmo. Carletto suonava ballabili: tango,valzer, mazurche. Le note scaturivano in modo naturale dallo strumento, le dita correvano veloci sulla tastiera .Erano dita grosse indurite dal lavoro ma che riuscivano a scorrere i comandi senza apparente sforzo. Il viso di Carletto si trasfigurava durante le esecuzioni, gli occhi si stringevano fino a diventare due fessure. Piegava il capo da una parte come se stesse ascoltando voci e suoni che gli giungevano da lontano, forse qualcuno o qualcosa , in quei momenti lo portava via in una dimensione magica e serena. La musica era il suo mondo parallelo, quello migliore di quello in cui viveva e che lui apprezzava comunque, nonostante le difficoltà quotidiane. E sorrideva. E sorridevano tutti. La musica aveva il potere di creare armonia tra persone e natura. Le note riempivano il silenzio delle notti d'estate , rendevano il mondo diverso, caratterizzavano i momenti rendendoli indimenticabili. Ridensificavano l'aria , volavano via e tornavano, si affievolivano per rafforzarsi quando le credevi ormai perdute. Giocavano a nascondino con il cielo.
Quel cielo nero nero, mantello della notte punteggiato da miliardi di diamanti.
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Re: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime25/2/2010, 08:48

Ricordo i miei scarponi da sci di cuoio unto con la sugna, il tavolato di legno di pino nemmeno lucidato, la fisarmonica dei minatori e le loro mani grosse come il ponte di una nave che mi tenevano delicatamente mentre ballavamo la mazurka e la polka. E il rumore degli scarponi sul tavolato che rimbombava come i cannoni di Navarrone. Venivano al tavolo dove eravamo mia sorella ed i miei, con un inchino maestoso si rivolgevano a mio padre e chiedevano se potevano invitare la ragazza a ballare. Io avevo 12 anni, mia sorella 14 ed eravamo le uniche donne in quell'osteria in cima alla montagna, la neve intorno che splendeva nel suo notturno silenzio. Non ho mai più riprovato la stessa gioia nel ballo.
Torna in alto Andare in basso
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Re: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime26/2/2010, 21:51

racconti di quando si faceva comunità semplicemente. e l'orologio solare lasciava spazi nei gioni dell'uomo, per far ridere e sognare perfino i calli delle mani
Torna in alto Andare in basso
Marghe Cri
Top
Top
Marghe Cri

Numero di messaggi : 62
Data d'iscrizione : 05.02.10

Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Re: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime27/2/2010, 11:02

Ciao Emma, disoccupata dal forum, giravo nel portale ed ho incontrato questo tuo pezzo.
Non mi rimanda a nulla che abbia conosciuto direttamente, ma ad alcuni racconti di mia nonna ed a molti racconti letti, ambientati nel nostro Paese all'inizio del secolo scorso e fino alla seconda guerra mondiale.
Forse quel mondo resiste ancora da qualche parte, non so, ma è stato bello farci un tuffo grazie al tuo bel racconto.
Ho la sensazione di aver ballato anche io sulla musica di Carletto e di aver respirato l'aria pulita profumata di erba fresca sotto

"Quel cielo nero nero, mantello della notte punteggiato da miliardi di diamanti."


Grazie per l'emozione



Era mio padre 899765
Torna in alto Andare in basso
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1352
Data d'iscrizione : 27.01.09

Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Re: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime27/2/2010, 12:09

Grazie amici di essere passati di qui, Carletto era mio padre un uomo solare che amava la vita e la musica. Oltre a lavorare in campagna faceva il muratore, una vita di lavoro ma la musica era il suo amore.
Ancora oggi là ci sono musicisti, più giovani e che suonano altri strumenti.Non ci sono più però i concerti serali, la frazione si è spopolata.
@marghe cri I miei ricordi si riferiscono agli anni 60-70, non tanto lontano nel tempo
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Era mio padre Empty
MessaggioTitolo: Re: Era mio padre   Era mio padre Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Era mio padre
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: