RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Regole

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Mario Ughi
Top
Top
Mario Ughi

Numero di messaggi : 83
Data d'iscrizione : 11.07.09

Regole Empty
MessaggioTitolo: Regole   Regole Icon_minitime7/3/2010, 12:50

Pensavo oggi alla quantità di regole che scrittori più o meno affermati elargiscono a piene mani durante seminari che vengono chiamati workshop. Espressione che trovo abbastanza infelice, anche se non dovrei, perché il mio piccolo inglese non mi consente una traduzione della quale io possa sentirmi sicuro. Però sino a workshop credo di poterci arrivare.
Comunque, leggendo di queste regole, quando capita, mi sento sempre abbastanza infelice. Non credo di riuscire a metterne in pratica alcuna, non perché siano astruse, anche se a volte lo sono, è solo che al cospetto di questi decaloghi mi sento sempre piuttosto ignorante, nel senso che raramente riesco a capire dove si voglia andare a parare.
Lo stesso vale quando mi trovo a dover fronteggiare esempi di stili di scrittura, tipo il minimalismo. Non capisco mai quante parole debbo togliere per essere considerato minimalista, ammesso che io lo voglia.
Se poi ne tolgo troppe e non si capisce più il senso di quello che vorrei esprimere, potrei venir considerato ultraminimalista, o solo stupido.
A pensarci bene, ad oggi non sono più tanto sicuro di rammentare adeguatamente neanche le regole della grammatica. I miei ricordi al riguardo si perdono in tempi lontanissimi, e sono ricordi temo fortemente sfumati.
Non venite poi a parlarmi di sintassi, perché rischierei di perdere l’appetito. Potrebbe persino capitare che la sintassi mi si materializzi davanti per mordermi le chiappe senza che io riesca a riconoscerla.
Io scrivo così, se di scrittura si può parlare, come un cieco che dipinge.
Metto le parole in fila nella maniera che mi sembra abbia un senso, e sono sicuro che altri leggendo troveranno un senso diverso dal mio, più o tanto meno.
La cosa che più mi piace, in fondo, è quando i venditori di regole arrivano al punto di affermare che queste esistono anche per essere infrante.
Ciò può fornire un senso di sicurezza, falsa magari, ma sempre sicurezza: potreste leggermi e ammirare con quanta perizia io riesca a infrangere le regole. Qui potrei risultare bravissimo.
Se poi volessimo estendere il panorama per inserire anche le regole della vita nell’inutile discorso che sto portando avanti, questo temo ci porterebbe assai lontano.
Voi avete regole che informano il vostro modo di agire?
Io non lo so.
Nel corso degli anni mi sono imbattuto in molti maestri dediti a impartire di queste regole, e poi a spasso per la vita le ho viste tutte infrante. Paradossalmente, mi sembra che chi riesce a vivere senza regole sia più felice di altri destinati a chiudersi in fondo a vicoli ciechi di ordine morale.
Se dovessi parlare della mia esperienza diretta, potrei dire che mi sento gravato da moltissimi di questi orpelli che chiamiamo regole.
Essere buono e giusto, amorevole e disinteressato, equanime, imparziale e obiettivo. Eccetera.
Il tutto condito dall’affermazione, ovunque condivisa, che considera però anche la necessità ineludibile di un briciolo di sano egoismo, diventa un bel minestrone difficile da digerire.
Pensandoci bene, l’unica regola che mi sento di condividere è quella che richiama alla necessità di essere felici.
Ma qui usciamo da campo delle regole per entrare in quello delle occorrenze fondamentali: essere felici esclude ogni altra condizione o considerazione.
Belli o brutti, ricchi o poveri, la felicità è alla portata di tutti, come l’aria che respiriamo.
Non possiamo impedirci di respirare, ma quanta tristezza in una vita nella quale ogni genere di valutazioni e confronti esclude la possibilità di essere felici, persi nella sensazione che manchino le condizioni necessarie, sempre alla ricerca di qualcosa che renda possibile una tale condizione.
Per raggiungere la felicità basta invece pensare che l’abbiamo. E’ dentro di noi, si tratta solo di sceglierla, così come in fondo scegliamo qualsiasi altra emozione che proviamo.
Siamo sempre noi a scegliere.
Se ci sentiamo davvero grandi scrittori non ci sarà incubo di sintassi capace di frenarci. Le regole grammaticali torneranno allora utili a prendere per il culo l’intero universo.
Allo stesso modo, se decidiamo di essere felici, non ci sarà tormento o impedimento in grado di ostacolarci. I piccoli intoppi imposti dalla vita diventeranno occasioni per affermare con forza la nostra disposizione.
Guarderemo i detentori delle regole con occhi di commiserazione, con solo la voglia di sferrare un cazzotto a frantumare il guscio che li separa dalla vita. Alzare il velo che copre la realtà. Mostrare che ognuno è quello che pensa di essere.
Questo non ci è concesso: soltanto individualmente possiamo decidere se siamo felici o meno, nessuna regola in questo ci può aiutare, neanche quella del più grande maestro di tutti i tempi.
Ma non sarà questa piccola nota di tristezza, l’infelicità che possiamo osservare ovunque, a distrarci dal nostro compito principale.
Possiamo essere felici con o senza tutto quello che crediamo serva a raggiungere questa condizione, in culo alle regole della grammatica.
Torna in alto Andare in basso
http://graffiati.it
Mauro Scicchitano
Top
Top
Mauro Scicchitano

Numero di messaggi : 127
Data d'iscrizione : 20.10.08

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime7/3/2010, 12:56

Mario, spezza le parole.
Work Shop.

Negozio del lavoro, una roba da americani, quindi useless: inutile.

Scrivi come ti pare, è la cosa migliore. Tipo, parla come mangi, solo cosi' sei genuino.
E ricorda un principio che pure mia nonna mi rammentava: chi sà fà, chi non sà insegna.
Torna in alto Andare in basso
Mario Ughi
Top
Top
Mario Ughi

Numero di messaggi : 83
Data d'iscrizione : 11.07.09

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime7/3/2010, 14:58

Beh, Mauro, nel corso di scrittura di Chuck Palahniuk viene chiamato proprio così: workshop, e concordo con te che è roba da americani.
Comunque, a volte anche chi sa insegna, e non sempre parlare come si mangia è la soluzione giusta, infatti, mi pare di ricordare che fa e sa non prevedono l'accento, mentre invece così lo richiede, al posto dell'apostrofo.
http://www.accademiadellacrusca.it/faq/faq_risp.php?id=4016&ctg_id=93
Lungi da me il proposito di aprire una polemica, è solo una precisazione.
Un saluto.
Torna in alto Andare in basso
http://graffiati.it
Mauro Scicchitano
Top
Top
Mauro Scicchitano

Numero di messaggi : 127
Data d'iscrizione : 20.10.08

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime7/3/2010, 18:37

P.S.: ho una tastiera tedesca e la i accentata non ce l'ho Smile
In compenso mi sfogo con la à. In italiano mica posso usare la ä, eh.
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime8/3/2010, 08:39

Mario, tu scrivi benissimo, work o no work!

Mi hanno invitata a frequentare una scuola di scrittura, non so se ci andrò, proprio perchè io voglio scrivere come sono io, non come è l'insegnante. E poi io e la scuola non siamo mai andati d'accordo. Una volta dovetti rinunciare persino alla scuola di sci, tanto non riuscivo ad ubbidire.
Prendiamo Saramago ad esempio: a scuola lo avrebbero bocciato, metà delle sue pagine sono superflue, i dialoghi sono in diretta, ovvero non c'è stacco, lui o lei o loro parlano sulla riga senza distinzione. Ma proprio per queste sue peculiarità Saramago è Saramago e non Rita.
L'importante è ciò che si dice, ovviamente non esibendosi in errori grammaticali; il come è una scelta congenita, direi. Non si può essere diversi da ciò che si è e attraverso la nostra scrittura ci siamo noi e solamente noi.
Io ho problemi particolari con gli accenti e tante altre cosette, ma spero sempre nel condono del lettore.
Torna in alto Andare in basso
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1352
Data d'iscrizione : 27.01.09

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime8/3/2010, 09:22

Mauro Scicchitano ha scritto:
Mario, spezza le parole.
Work Shop.

Negozio del lavoro, una roba da americani, quindi useless: inutile.

Scrivi come ti pare, è la cosa migliore. Tipo, parla come mangi, solo cosi' sei genuino.
E ricorda un principio che pure mia nonna mi rammentava: chi sà fà, chi non sà insegna.

E chi non sa insegnare insegna agli insegnanti Smile
Torna in alto Andare in basso
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime8/3/2010, 18:12

la regola più irraggiungibile per me è decidere di essere felice. il resto si può fare
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Regole Empty
MessaggioTitolo: Re: Regole   Regole Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Regole
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: