RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 antonio

Andare in basso 
AutoreMessaggio
eugen signori
Top
Top
eugen signori

Numero di messaggi : 210
Data d'iscrizione : 18.03.10

antonio Empty
MessaggioTitolo: antonio   antonio Icon_minitime26/3/2010, 22:35

ANTONIO

Maggiana è una graziosa frazione di Mandello, ed è posta su una balza della montagna in una bella posizione dominante. Di lì si domina il lago di Como fino a Bellagio, e le montagne della Mesolcina fanno da sfondo. Per tanti anni vi abbiamo passato le vacanze estive, in affitto presso una famiglia del luogo. Razza lacustre, avrebbe detto Stendhal , che nei suoi scritti ammirava la sobrietà e la lealtà degli abitanti locali.
Lui era Natalino, operaio alla Guzzi, nota fabbrica motociclistica di Mandello. Lei era Gina, una donnona di centoventi chili carica di simpatia, la quale cantava con una voce che si sentiva a distanze incredibili. Avevano quattro figli maschi. Uno di loro si chiamava Antonio.
La casa era stata costruita con le proprie mani da Natalino, che nel tempo libero si dedicava alla realizzazione della sua casetta, un sogno da lui coltivato per tutta la vita. Il piano superiore era abitato dalla famiglia, e quello inferiore lo abitavamo noi nei tre mesi estivi. Io vi passavo il fine settimana, ma la mia famiglia era di stanza lì per tutto il periodo estivo. Una grande terrazza si stendeva davanti alla casa, ed era bellissimo al pomeriggio sdraiarsi e godersi la breva, un venticello che scende dallo Spluga lungo il lago e ti accarezza la pelle.
Dunque, i figli erano quattro dicevo. Tre di loro erano normali giovanotti che lavoravano alla Guzzi come operai, e non avevano altra aspirazione oltre a quella di risparmiare per farsi una famiglia. Antonio invece no. Lui voleva volare! La Guzzi gli stava stretta, e il mondo è grande, e lui lo sapeva.
Un bel giorno fuggì da casa senza spiegazioni. La famiglia era in ansia, perché il ragazzo era giovane, e per loro l’orizzonte era il lago. Mandò alla mamma una cartolina da Roma, ove si diceva incantato dalle bellezze della capitale, ed era affascinato dalle antichità. La sciura Gina si rimise a cantare come una calandra, forse orgogliosa di avere un figlio pieno di coraggio. Lei pure forse sognava di evadere verso altre terre poste al di là dell’orizzonte…
Per tornare a casa Antonio lavorò presso un meccanico, perchè non aveva più soldi. Antonio tornò, ma non riuscì più a integrarsi nell’ambiente in cui era nato. Io gli feci la paternale, con le solite frasi di circostanza, e lui fingeva di ascoltarmi, ma pensava ad altro. Aveva le ali Antonio, e voleva volare…
Il servizio militare non fu la panacea di cui si usa parlare, e Antonio cominciò a sbandare vistosamente.
Un giorno un fratello si trovò ventimila lire in meno nel portafoglio… Natalino, uomo di un’onestà immensa, non riuscì a tollerare l’accaduto e ad Antonio fece una scenata memorabile.
Un’ora trascorse in silenzio, e poi uno sparo fece tremare i vetri…
Antonio si era sparato in bocca con il fucile da caccia…
Natalino ne fu distrutto, perché si sentì responsabile. Eppure aveva fatto solamente il suo dovere di padre… Morì dopo un anno di cancro, e la sciura Gina, che aveva smesso di cantare, morì l’anno dopo del marito. Il funerale, in una giornata freddissima, si snodava in una di quelle stradine descritte dal Manzoni, e c’era pure una cappelletta, e sul muretto di pietra mi sembrava di vedere seduti i due bravi così amati da Don Abbondio…
Così venne distrutta una sana famiglia lombarda. Rimasero i tre figli, che si sposarono ed ebbero altri figli… e così la vita ha l’abitudine di continuare.

eugen
Torna in alto Andare in basso
Gisella Sella
Medium
Medium


Numero di messaggi : 28
Data d'iscrizione : 02.03.10

antonio Empty
MessaggioTitolo: Re: antonio   antonio Icon_minitime27/3/2010, 15:22

Conosco quei luoghi, sono mete delle nostre gite festive durante la bella stagione
Il tuo bel racconto me le ha piacevolemtente ricordate

Non ho capito quando dici: i due bravi così amati da Don Abbondio...
Torna in alto Andare in basso
eugen signori
Top
Top
eugen signori

Numero di messaggi : 210
Data d'iscrizione : 18.03.10

antonio Empty
MessaggioTitolo: Re: antonio   antonio Icon_minitime27/3/2010, 17:13

Gisella...in quel luogo ci sono stato nove anni a fila, e siccome lavoravo in via Palmanova, in estate ci mettevo meno tempo a arrivare a Mandello che attraversare Milano dove abitavo.
Ero molto appassionato alla montagna, e la Grigna era a portata di mano.
La frase di don Abbondio è ironica, perchè nel libro, appena visti i due bravi seduti sul muretto, il brav'uomo è rimasto terrorizzato, pensando che aspettassero proprio lui.
Un caro saluto e buona serata!...Eugenio Smile
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

antonio Empty
MessaggioTitolo: Re: antonio   antonio Icon_minitime30/3/2010, 12:10

triste la realtà! A volte avere le ali è un danno, perchè se non si riesce a volare, ci si schianta!

Conosco quei posti, noi abbiamo sempre girovagato tra i laghi, amato le sue luci, i suoi venti a ore precise e i suoi colori, così delicati e sfiggenti.
Ma la bellezza non èsufficiente a volare. silent
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




antonio Empty
MessaggioTitolo: Re: antonio   antonio Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
antonio
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: