RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 divenire dell'anima

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Massimiliano Procellaria
Top
Top
Massimiliano Procellaria

Numero di messaggi : 292
Data d'iscrizione : 03.10.08

divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime8/4/2010, 09:48

Accompagna i miei passi frenetici un fiumiciattolo alla mia destra che scorre su di un fondale di sampietrini , trasportando verdi trasparenze e finissimi granelli di rabbia verso un luogo che non conosco ancora.
Ho rubato le ante della speranza per ammirare un panorama di arte e rocce umide bagnate dal sole che uccide nell’alba e dà vita nei tramonti, che spoglio dei suoi raggi come una margherita di campo.
Tra la funivia e la montagna, lascio un ricordo che sia di gelsomino,selvaggio, profumato, semplice, perché la semplicità è bellezza, è purezza; alle mani che ho stretto qualche sera fa potrei chiedere di non ricordare, di gettarsi dai fiordi della poesia per imparare il volo del divenire dell’anima; ma no, lei non aveva nessuna colpa per l’incenso sprecato davanti le pattumiere, tutt’al più un breve rimprovero per non essersi accorta dell’argento tra le onde del lago.
In certi momenti di vuoto, di sordi rumori di mestoli in calderoni di fuoco, in realtà sta maturando una parte di te, un emisfero di silenzio battuto da correnti di “non voler più ripartire”, e le stelle che sembravano solo irraggiungibili diamanti, si aprono versando atomi di gloria e bagliori di verità.
Soffro, soffro maledettamente nel vedermi ombra che si allunga sulle colline della vigliaccheria, vorrei un susseguirsi di luce, di davanzali affacciati su praterie brulle, coperti qua e là sul ferro puro e malinconico di ruggine, di fiori secchi da collezione,coi petali fragili e vecchi che si spezzano non appena un cuore di farfalla gli si poggia sopra.
Finalmente ho sentito la forza di una mano dire “no”, ed era quella vergogna che una volta provata ho custodito in un gioco di dolore e gioia da regalarle di notte, da sottrarle di giorno, in un alternarsi di “perché” e “me stesso”, ma altro non è che un naufragio dal quale non riesco a scampare.
Ho impresso quanto resta di me, sotto forma di haiku, la solitudine, la sterilità, l’abbandono, tutto come una frazione dove ogni terzo è parte del mondo senza che nessuno possa mai osare contraddire la spiritualità ed il vetro opaco che si è conficcato sulla schiena dei poveri poeti incompresi, sacrificati e diventati ansia tra i rimorsi delle foglie; ed il silenzio è già una vela.
Mi ha tormentato per una nottata intera con le sue unghia, ed era un abbraccio tra bambole di stoffa e linee, e pagine, e passeggiate sulle rive dell’innocenza, da dove l’unico volo che si leva è quello di un’acqua oramai vecchia e pura; ed il silenzio era già vento.
Quando ho riaperto gli occhi la guancia del mondo s’era appena affondata in nuvole dai contorni tratteggiati, era l’ipocondria delle risa e l’abitudine della derisione, accanto si apriva uno slargo, qualche scalino, due vasi ben curati con delle spighe portafortuna che indicavano la scalinata degli attimi che si sarebbero voluti vivere, e le spighe stavano rivolte verso il basso; e finalmente il silenzio era diventato orizzonte.
Dentro la cattedrale ognuno di noi era invitato a non accorgersi del male che stavano provando le cornici, scalfite dai nostri sguardi, trascurando quanto potesse esserci di romantico nelle stanze che avevamo appena finito di imbiancare, ma io e lei volemmo coprirci con le trine da poco sottratte al precipizio del “dirsi addio”.
………………………………………………………..
Un passo stanco, un pensiero che arranca nel divenire, una marea che si promette in sposa alla luna, e le ultime perle da donare alla libertà dell’immenso mare.
Torna in alto Andare in basso
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: Re: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime8/4/2010, 10:28

un racconto ben tornito. è un racconto? a me piace

trasportando verdi trasparenze e finissimi granelli di rabbia
Torna in alto Andare in basso
Massimiliano Procellaria
Top
Top
Massimiliano Procellaria

Numero di messaggi : 292
Data d'iscrizione : 03.10.08

divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: Re: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime8/4/2010, 14:16

ciao grazie per l'attenzione;a dire la verità nn so come definirlo sul piano formale, nn sapebvo infatti se postarlo qui o nella sezione poesia.
Ha un fondo di realtà oggettiva, vista e vissuta ma raccontata con parole di qualcuno o qualcosa che era comunuqe in me, al di là di ciò che stavo vedendo ma che comunque stavo vivendo.
Torna in alto Andare in basso
Annamaria Giannini
Top
Top
Annamaria Giannini

Numero di messaggi : 1185
Data d'iscrizione : 03.11.09

divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: Re: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime8/4/2010, 20:59

Un miscglio di poesia, prosa e sensazioni.
Da postare quasi nella sezione delle pagine più intime. Uno squarcio su di te. Ora mi sembra di conoscerti un pò meglio. Grazie.
Torna in alto Andare in basso
Massimiliano Procellaria
Top
Top
Massimiliano Procellaria

Numero di messaggi : 292
Data d'iscrizione : 03.10.08

divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: Re: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime9/4/2010, 19:50

ciao anna, dici bene è un miscuglio che nn saprei come definire. Immancabilmente in questi pezzi viene fuori la parte intima d chi scrive; beh, spero traspaia qualcosa di buono :-)
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




divenire dell'anima Empty
MessaggioTitolo: Re: divenire dell'anima   divenire dell'anima Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
divenire dell'anima
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: