RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 I vecchi Borghi. Parte prima.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 05:44

Negli anni trenta il piccone mussoliniano si abbatté sulla famosa spina che formava i due vecchi borghi: Borgo Nuovo e Borgo Vecchio. Da Piazza Pia la lunga sequenza di palazzi, alcuni dei quali veri capolavori architettonici, correva dritta verso Piazza S. Pietro formando le due vie che sboccavano nella bellissima Piazza Rusticucci contornata da vecchi palazzi color ocra e frequentata da turisti e soprattutto dai residenti, i "borghiciani". Piazza Rusticucci era un gioiello, splendido per l'armonia in cui si componeva la varietà di volumi, superfici e colori. Sempre molto animata, era la degna anticamera di S. Pietro sulla quale direttamente si apriva. Vi sostavano in permanenza le carrozzelle a cavallo guidate da vetturini
dalla lingua svelta, bonaccioni e scanzonati. Il ristorante Europeo che godeva meritatamente la fama di garantire una cucina ricca e rigorosamente romanesca, era il luogo dove i "borghiciani" festeggiavano con memorabili pranzi feste religiose e avvenimenti privati. Caffè e negozi di articoli religiosi si affacciavano discretamente e gioiosamente sulla piazza.
Il "genio" di Mussolini, abbattendo la spina, non compì soltanto uno scempio architettonico e urbanistico, ma anche uno scempio umano, disperdendo una comunità civile complessa ma aggregata, portatrice di pregiudizi ma anche di valori, ricca di molte virtù e di qualche vizio. Una comunità, comunque, molto vitale. I "borghiciani" si conoscevano tutti, direttamente o indirettamente. Erano capaci di grandi gesti di solidarietà ma non erano esenti da invidie e gelosie.
Nonostante fossero tutti popolani, come si diceva allora, tenevano a conservare, più sul piano teorico che su quello pratico, gerarchie sociali fatte a loro misura e secondo loro criteri. Gli abitanti di Borgo Nuovo, che era più bella di Borgo Vecchio, si sentivano un gradino più su di quelli dell'altro Borgo. Poiché le due vie avevano molti negozi, la gerarchia investiva anche i commercianti: i macellai si consideravano più dei "fruttaroli", i merciai e i negozianti di stoffe più dei macellai e dei "pizzicaroli",gli orefici e i venditori di oggetti sacri più di tutti gli altri.
I frati di S. Maria in Traspontina sfuggivano a qualsiasi catalogazione sociale.
Rispettati da tutti i borghiciani, erano tuttavia trattati con familiarità e confidenziale disimvoltura. Non c'era famiglia dei Borghi che non avesse avuto a che fare con qualcuno di loro o per aggiustare qualche matrimonio traballante o per combinarne qualcuno o semplicemente per aver trovato, attraverso i frati, pellegrini o turisti a cui affittare un pezzo di casa.
All'epoca del sindaco Nathan i Borghi si erano divisi: una piccola minoranza anticlericale si era schierata a suo favore, mentre la maggioranza papalina vedeva in Nathan una specie di Anticristo venuto a tentare una fede in verità non molto profonda, basata più che sull'interiore convincimento su abitudini e consolidate tradizioni. Il più accanito contro il sindaco era il vecchio sor Pietro, un uomo sanguigno e compagnone che il 29 giugno, festa di S.Pietro, mandava in molte botteghe di commercianti suoi amici grossi bicchieri di granite di caffè con panna.
Il rancore del sor Pietro verso il sindaco divenne presto una specie di umoristico mito che contagiò perfino i frati. Frà Andrea, il sacrestano, si divertiva a stuzzicarlo: quando la mattina di buonora lo vedeva comparire in chiesa, lo accoglieva con un: "E allora, sor Pietro, che ne dite del sindaco?" "'Tacci sua"- rispondeva, cupo, il vecchio. La storia durò un bel pò fino a che non la fece finire il parroco, ammonendo bonariamente frà Andrea. La Traspontina non era l'unica chiesa dei Borghi. C'erano S.Lorenzino, S. Angelo e S. Giacomino. Questa si affacciava su Piazza Scossacavalli che congiungeva per un breve spazio Borgo Nuovo e Borgo Vecchio e che aveva al centro una fontana tanto bella da imporre rispetto al piccone di Mussolini. Infatti fu smontata e ricomposta in una piazza romana davanti a S. Andrea della Valle.
Mattina e sera le campane delle chiese facevano sentire le loro voci, voci acute e rapide come quella di S. Giacomino, pacate e gioiose come quella della Traspontina, basse e solenni come quella del campanone di S. Pietro. I "borghiciani" sentivano parlare le loro campane. "Polenta fritta, polenta fritta!" - annunciava
S. Giacomino. " 'N do se venne?, 'n do se venne?" chiedeva la Traspontina. "In boorgo, in boorgo!" - rispondeva il campanone.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Marghe Cri
Top
Top
Marghe Cri

Numero di messaggi : 62
Data d'iscrizione : 05.02.10

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 15:51

Ciao Franca, ancora piccoli gioielli!
Dipingi una città scomparsa, irriconoscibile ed irrintracciabile in quella odierna.
Solo in alcune famiglie profondamente radicate nel tessuto umano di Roma sono ancora recuperabili ricordi simili ed a raccontarli sono solo ormai poche bocche dal forte accento romano e dal grandissimo cuore che un tempo lo accompagnava.
Avevo già sentito dire molti molti anni fa che le campane di Roma a quell'epoca parlavano ciascuna con una sua voce, facilmente riconoscibile dai residenti.
I tuoi personaggi, sicuramente veri, rendono viva la descrizione di una città che ormai è solo ricordo per chi c'era e leggenda per chi è venuto dopo.
Amo moltissimo i tuoi ricordi scritti, continua ti prego ad allietarci.
Forse sono più godibili per chi Roma la conosce, ma credo che siano graditi anche a chi la viene a conoscere attraverso i tuoi occhi e le tue parole.

I vecchi Borghi. Parte prima. 556327
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 15:58

Grazie, Marghe. Io sono nata a Roma e , ora che vivo altrove, ne sento la nostalgia.
I personaggi sono reali. Alcuni li ho conosciuti, altri me li hanno raccontati mia madre e mia nonna che è uno dei personaggi della prossima parte. Un abbraccio. Franca.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 19:37

Mi torna alla mente un'intervista ad Alberto Sordi in cui lui raccontava, con enfasi vissuta realmente, di quando una volta , prima dello scempio di cui parli, suo padre lo portò a vivere la "botta".

[...] Avevo quattro anni quando vidi per la prima volta San Pietro e fu proprio per il Giubileo del 1925. Ero in compagnia di mio padre, venivamo da Trastevere, dove ero nato in via San Cosimato e dove vivevo con la mia famiglia. Arrivammo percorrendo i vicoli, che poi furono distrutti, di Borgo Pio: un ammasso di casupole, piazzette, stradine. Poi, dietro l'ultimo muro di una casa che si aprì come un sipario, vidi questa immensa piazza. Il colonnato del Bernini, la cupola. Un colpo di scena da rimanere a bocca aperta. Ecco, quello che ricordo di più di quel Giubileo fu questa sorpresa [...] Da Wipedia

http://it.wikiquote.org/wiki/Alberto_Sordi
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 19:47

Nel 1925 i Borghi erano ancora in piedi. Chissà perché tutti i "dittatori" sono megalomani. Adesso l' attuale Premier (ho messo dittatori tra virgolette per non rischiare di farvi chiudere il sito ) si è fissato con il ponte di Messina facendo finta di non sapere che poco tempo fa ci furono delle frane proprio nella zona dove dovrebbe essere costruito il Ponte. E, nonostante il referendum vuole riaprire il discorso sul nucleare. Ciao. Franca.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 20:43


_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime27/4/2010, 21:10

Va bene, Daniela. Un abbraccio. Franca.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Contenuto sponsorizzato




I vecchi Borghi. Parte prima. Empty
MessaggioTitolo: Re: I vecchi Borghi. Parte prima.   I vecchi Borghi. Parte prima. Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
I vecchi Borghi. Parte prima.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: