RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 La bellezza di un sogno

Andare in basso 
AutoreMessaggio
holly prosati
Top
Top
holly prosati

Numero di messaggi : 630
Data d'iscrizione : 15.07.08

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime20/5/2010, 21:02

Probabilmente voi sorridereste se foste qui al mio posto.
Io però non riesco.
Giù al molo del mio paese ero solita dipingere. Dipingevo orrendi tramonti, disdicevoli ragazzi, risa storte e senza forma. Ci volle poco meno di qualche giorno per capire che non fossi portata. Ci vollero solo tre settimane per capire che ero veramente negata. Ci vollero sei mesi, sei splendidi mesi, per fargli capire che non andavo al molo per dipingere.
Ogni giorno lui è era lì, sull’altra sponda del fiume. Giocava, rideva e come ogni altro giocatore rincorreva quella palla. Io ero sempre lì, con i miei colori, la mia tela e l’acqua che mi sfiorava le dita, scorrendo lenta. Era strano, ogni volta cercavo di ritrarlo e una sottospecie di sgorbio demoniaco mi sorrideva tra quei colori mutilati, non mi annoiavo. Non mi annoierò mai di guardarlo. Non parlo del mio quadro ovviamente, ma sono certa che l’avevate intuito.
Lui era sempre lì e io ero sempre lì; anche il ponte era sempre lì. Era tra noi due, distava solo dieci metri dallo spiazzo sul quale mi appollaiavo. Mi bastava alzarmi e attraversalo. Sì, come no. Non ho mai avuto nemmeno la tentazione di provarci. Non potevo andare io, perché nel mio sogno era sempre lui che veniva da me. Magari ora pensate che io lo sogni tutti i giorni. Oh magari, non l’ho mai sognato sfortunata come sono. Però è il mio sogno più grande che un giorno venisse e… e boh. Sinceramente la mia immaginazione non va oltre quel ponte, quel momento; non osa nemmeno sfiorare immaginari più arditi. Mi vergogno già abbastanza per questo mio piccolo desiderio, non ho di certo bisogno di inquinare il mio sogno con certe volgarità.
A pensarci bene una mattina, però, vidi due ragazzi baciarsi. Inevitabilmente pensai a lui. Ma solo quella volta. Sono arrossita subito e sono scappata in casa, in camera, sotto alle coperte, tra le palpebre, in un pianto.
Ma non è di quella mattina che volevo raccontare.
Ogni giorno che andavo al molo, il mio obiettivo era uno solo. Aspettavo paziente che la partita finisse, che tutti corressero per il campo gridando e che quel piccolo gruppo di ragazzi si avvicinasse alla riva del fiume a torso nudo, tutti colmi della fatica dovuta ad aver ricorso una palla e che si tuffassero nel fiume. Non era esattamente il fiume, tutto sommato la corrente era pericolosa; era una specie di piscina, una profonda fossa nel terreno che con l’alta marea si riempiva.
Proprio lì, lui e i suoi amici si tuffavano e ridevano e scherzavano. E io, invano, cercavo di ritrarre quella loro gioia e spensieratezza, magari mi sentivo in qualche modo parte del gruppo, partecipavo anche io dopotutto. Erano lì con me, ad un palmo dal mio pennello. Mostruosi e orrendi come solo la mia invidia poteva ritrarli. E lui ogni volta usciva dalla piscina, si affacciava sul ponte e sgranava gli occhi nella mia direzione, poi un amico lo chiama e il mio quadro era finito.
Mi sento un po’ patetica. Sì beh, un po’ lo sono. Però mi piace passare così i miei pomeriggi.
Qualche giorno fa una signora della città è venuta a casa mia. Una parente lontana venuta a comunicarci la morte del cugino di un fratello della madre di non so quale pronipote. Noi, estremamente rattristati come potevamo essere, le abbiamo offerto l’ospitalità dovuta a una notizia così amara. Lei, girando curiosa e addolorata per la casa, ha visto le tele che metto in soffitta. Forse per l’estremo dolore o per uno spasmo di follia è rimasta incantata da quegli orrori. Li ha definiti con un nome tutto pomposo di quelli che usano i signorotti della città e ha detto che li comprava tutti. I miei genitori e mio fratello, consci del valore inestimabile delle mie opere, hanno riso di gusto alla notizia, ma quando la signora ha strappato un assegno per il malloppo il silenzio è caduto assieme agli occhi di mia madre sulle cifre di quel pezzo di carta.
Proprio oggi, proprio ora sto dipingendo quella che definirei la mia opera migliore. Un orrore come tutte le altre, ma è di sicuro quella che preferisco. L’ho appena ultimata e l’ho appoggiata sull’erba morbida sulla quale sono seduta.
Mi sono fermata a guardare i ragazzi che come al solito si tuffavano nella loro piscina privata, quando vedo lui calciare il pallone con forza sovrumana. La sfera arriva dalla mia parte, sembra dovermi travolgere, penso che mi ucciderà e chiudo gli occhi ma quello, infimo, si ferma sul mio capolavoro. Si ferma per dire, dato che lo buca macchiandolo di fango.
Lui corre verso di me. Mi guarda e sorride.
“non mi sbagliavo” dice “sei davvero bella come mi sembravi dall’altra parte del fiume”.
Io non lo guardò nemmeno, il mio quadro è caduto nel fiume e viene trasportato dalla corrente, per sempre lontano da me. Lui, il mio sogno, è restato dall’altra parte del fiume.
Mi alzo e sorrido cortesemente “devo tornare a casa, ho ospiti”.
Mentre cammino verso casa mia e lui mi segue, una lacrima mi solca il viso: quando ci si sveglia nessuna realtà può restituire la bellezza di un sogno. Non mi annoierò mai di guardare un sogno.
Torna in alto Andare in basso
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime21/5/2010, 08:06

hai tocco delicato nel descrivere il sogno di una ragazza - così l'immagino e spero che la fretta non mi tradisca - senza fiocchetti e parole scartate peggio dei baci perugina. e inevitabilmente scosto la mia tenda di lino bianco: sai che vedo? la tavolozza del cielo oggi sereno risvegliato a un altro giorno. il mio
Torna in alto Andare in basso
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime21/5/2010, 22:35

C'è molta delicatezza nei tuoi sogni dipinti.
Torna in alto Andare in basso
Mario Malgieri
Star
Star
Mario Malgieri

Numero di messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 12.05.08

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime22/5/2010, 07:53

Piaciuto molto. Ma proprio vogliamo che i nostri sogni si avverino... ?
Torna in alto Andare in basso
holly prosati
Top
Top
holly prosati

Numero di messaggi : 630
Data d'iscrizione : 15.07.08

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime22/5/2010, 13:47

Mario Malgieri ha scritto:
Piaciuto molto. Ma proprio vogliamo che i nostri sogni si avverino... ?

Sono molto felice che ti sia piaciuto.
Tra desiderio e volontà c'è il peso del mondo.
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime22/5/2010, 22:12

Bravo holly, sei magistrale nel raccontare con delicatezza i moti dell'anima, che scelgono l'immaginario, perchè la realtà non ha gli stessi colori.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




La bellezza di un sogno Empty
MessaggioTitolo: Re: La bellezza di un sogno   La bellezza di un sogno Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
La bellezza di un sogno
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: