RegistratiIndiceCercaAccedi

 

 I Rosenberg

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime31/5/2010, 12:23

Da molti giorni bussavate alla porta della mia memoria. Vi siete serviti di parole, nomi di persona, scene di un film, frasi lette in un giornale, di pensieri sulla mia vita, semplici, relative al modo in cui passo certe giornate. E, finalmente, siete riusciti ad aprire la porta. E’ stato quando ho pensato: “ Sarebbe bello, la domenica, bighellonare pigramente per casa, senza affannarsi e rinunciando a pensare: che cosa preparerò per il pranzo! “ Da qualche tempo faccio un altro pensiero: “ Qualcosa si arrangerà” e passeggio pigramente per casa, prendo un libro, vado in terrazza a guardare le piante. E sono più felice. Le domeniche sono diventate leggere, non più noiose e vanamente impegnative come una volta. Con questo ultimo strumento siete riusciti ad aprire la porta e subito vi ho riconosciuto: Julius ed Ethel. Mentre bighellonavo per casa, mi sono ricordata che anche a voi piaceva passare le domeniche così.
E mi sono ricordata tutto di voi, Julius ed Ethel Rosenberg, due ebrei americani, una coppia come tante che si amavano dolcemente, pacatamente. Avevate due figli, due bambini che dovete aver amato ed educato nel modo giusto se, diventati adulti, hanno scritto per voi, su di voi, un bel libro. “Eravamo vostri figli”.
Ero molto giovane quando vi travolse una tragica vicenda che vi portò entrambi, insieme, alla morte. Eravate impegnati nella difesa dei diritti umani, condannavate il crimine di cui erano stati vittime Sacco e Vanzetti, vi opponevate alla guerra di Corea, partecipando alle manifestazioni che gli americani illuminati e progressisti organizzavano. Avevano molto successo e suscitavano molte apprensioni nei dirigenti della Casa Banca che temevano di perdere il consenso dell’opinione pubblica sulla guerra che gli USA stavano combattendo in Corea. Quel consenso bisognava riconquistarlo ed a questo fine bisognava convincere la gente che il dissenso, la contestazione, erano segni di antipatriottismo, di tradimento della grande, democratica, civilissima America. Occorreva scegliere, fra i contestatori, chi si dovesse punire per il reato di alto tradimento. Voi foste i prescelti. E chi, più di voi, poteva incarnare il nemico, il male che si doveva estirpare per il bene e la sicurezza di tutti? Eravate ebrei e poveri. Julius era comunista ed aveva dichiarato la sua solidarietà alla Repubblica spagnola durante la guerra civile del 1936-1939. Fu montata una macchina accusatoria fatta di bugie e manipolazione della realtà. Foste accusati di essere spie e di aver venduto segreti militari all’Unione Sovietica perché potesse accelerare il progetto di realizzazione della bomba atomica. Nella vostra storia c’è un particolare che aggiunge vergogna a vergogna. Tuo fratello, Ethel, David Greenglass, sotto le pressioni dell’ F.B.I. che ricorse anche alla tortura, confessò di aver partecipato alla vostra attività di spionaggio. Molti anni più tardi, uscito dal carcere dopo 15 anni di detenzione, ammise di aver mentito, costretto a scegliere tra la propria vita e quella tua e della tua famiglia. Voi sosteneste con forza la vostra innocenza, appellandovi al V emendamento. La difesa portò al processo prove sufficienti a scagionarvi ma erano gli anni del maccartismo e le “streghe” evocate dalla parola chiave: sicurezza nazionale furono”trovate” in molti luoghi, da quello del cinema a quello degli intellettuali, dei pacifisti e di tutti quelli che lottavano per la difesa dei diritti umani. Personaggi di tutto il mondo levarono la voce in vostra difesa: Picasso, Einstein, Pio XII, Elisabetta II, Brigitte Bardot. Jean Paul Sartre ha definito la vostra vicenda “ Un linciaggio morale che macchia di sangue un intero Paese”.
I giudici non ascoltarono né la voce del popolo pacifista né quella di personaggi illustri. Il processo nel quale le prove prodotte dalla difesa non furono tenute in alcun conto e, d’altra parte le prove dell’accusa erano poco plausibili, si concluse con la sentenza di morte. Nel bel libro scritto dai vostri figli c’è tutto l’iter doloroso dei due anni da voi trascorsi nel braccio della morte del carcere di Sing Sing, nell’alternarsi di speranze e delusioni. Speranza che fosse aperto un nuovo processo, che la pena fosse commutata, che fosse concessa la grazia. Arrivarono a cercare di corrompervi, promettendovi salva la vita se aveste confessato. Ma voi riteneste che rinnegare la verità fosse un prezzo troppo alto da pagare per avere salva la vita.
Il 19 giugno 1953 la sentenza fu eseguita. Il primo a sedere sulla sedia elettrica fu Julius. Per lui bastò una scarica. Per te, Ethel, ce ne vollero tre: 20 minuti di agonia. I vostri figli, Robert e Michael, avevano, rispettivamente, 6 e 9 anni. Furono fortunati. La famiglia Meeropol che chiese di adottarli, curò la loro crescita con amore e dedizione.
Per loro, Ethel, prima di morire, scrivesti questa poesia:

Voi saprete, figli miei, saprete
perché lasciamo il canto interrotto,
il libro aperto, l'opera incompiuta
per andare a giacere sotto la terra:

Non piangete, figli miei, non piangete più
perché menzogne e calunnie che hanno inventato,
le lacrime che abbiamo versato, il male sofferto,
a tutti un giorno saranno rivelati.

La terra sorriderà, figli miei, sorriderà,
il verde sorriderà sul nostro luogo di riposo,
l'eccidio terminerà, il mondo esulterà
in fratellanza e pace.

Lavorate e costruite, figli miei, costruite
un monumento all'amore e alla gioia,
al valore umano, alla fede che abbiamo serbato
per voi, figli miei, per voi!
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Giampiero Pieri
Star
Star
Giampiero Pieri

Numero di messaggi : 2332
Data d'iscrizione : 20.01.08

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime31/5/2010, 20:08

A metterle in fila tutte le pagine di "patria" storia americana non basterebbero i bytes di tutti i PC del mondo, e ancora crediamo alla storia della democratica America, la osanniamo come paese della libertà (certo noi italiani siamo anche naturalmente predisposti ad dare fiducia a chi di libertà si riempie la bocca, fosse pur egli un malvagio nano mentitore di professione...).
Mi piace la tua rubrica di storia, Franca.
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime31/5/2010, 21:44

Grazie, Giampiero. Da alcune ricerche fatte pare che Julius fosse davvero una spia. Ma la pena di morte quando sarà abolita in tutto il mondo? Un saluto affettuoso. Franca.
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime2/7/2010, 20:22

I Rosenberg C:\Users\Franca Maria Pasqual\Pictures
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime2/7/2010, 20:23

I Rosenberg C:\Users\Franca Maria Pasqual\Pictures
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime2/7/2010, 20:55

I Rosenberg 220px-Julius_and_Ethel_Rosenberg_NYWTS
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
Contenuto sponsorizzato




I Rosenberg Empty
MessaggioTitolo: Re: I Rosenberg   I Rosenberg Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
I Rosenberg
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: