RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI

Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime21/9/2010, 23:43

E' un gomitolo
il tempo
incessante arrotolarsi
d'attimi e ore
e anni
in nodi a sciogliere
e a intrecciare.
Poi un giorno
alla fine
infine
è giunto il filo
e quella palla morbida
che stringi fra le mani
incredulo
adesso sai
sono memorie.

A volte, permettere ai ricordi di scivolarti addosso è inevitabile.
Lo sferragliare del treno, nella campagna marchigiana colorata d'autunno, li scandisce uno a uno, gocce di miele e di fiele miste alla pioggia.
Gli occhi di Adele seguono gli alberi spogli, che le sfilano rapidi davanti. Le sembra di scorgere una bambina esile e mal vestita, con sulle spalle uno zaino di tela grezza più grande di lei, all'apparenza troppo pesante per una creatura così minuta.
Quante volte ha percorso quelle colline,dolci e fiere e rotonde come il seno acerbo di un adolescente, quasi di corsa, fermandosi solo ogni tanto per controllare di non essere seguita.
Da casa sua alla grotta c'erano circa dodici chilometri, ma lei ne faceva quasi venti, tagliando per sentieri improbabili e conosciuti solo ai nativi.

Avevano studiato attentamente il tragitto la sera prima, lei e sua madre, considerando le nuove postazioni tedesche, sparpagliatesi in tutta l'area circostante il podere dalla settimana prima.
Era pericoloso quello che stava facendo, lo sapeva bene.
Mamma Rosa le aveva spiegato quali erano i rischi, senza mezzi termini o reticenze.
Non erano tempi per essere dolci, nemmeno coi bambini. Erano giorni bui, nei quali l'unica luce a brillare era la speranza di ritornare liberi, e tutti dovevano impegnarsi perché questo accadesse, perché la libertà è il dono più grande per l'uomo e, senza, nemmeno la vita stessa ha senso.
Questo le aveva spiegato sua madre, con lo sguardo duro e la pena nel cuore. Gli uomini sulla collina dovevano mangiare e la donna era guardata a vista. Non poteva muoversi o avrebbe messo a rischio la vita di tutti, anche dei partigiani che nascondeva nel rifugio, sotto la botola della stalla.
Alcuni erano bambini loro stessi, la bocca che puzzava ancora di latte e il mitra in mano.
Persino Giuseppe e Gino, fratelli maggiori di Adele, non erano più che adolescenti e da sei mesi erano alla macchia con il padre.
Scendevano a valle nottetempo, per sabotare i carriarmato delle truppe tedesche o appendere  volantini sovversivi, stampati clandestinamente nel granaio di Mastro Piero.
Quelle mattine, quando il paese si svegliava e trovava traccia del passaggio degli uomini, si respirava un'atmosfera più densa, quasi tangibile.
Ogni volta era un'iniezione di coraggio e sprono a continuare a resistere.
Perciò Adele non aveva paura.
Stava facendo quello che doveva,e poi, presto, avrebbe rivisto Mario.
Anche lui era lassù, con gli altri uomini; per quanto volesse bene ai fratelli e al padre, era a lui che pensava per trovare il coraggio di partire da casa.
Era a lui che pensava mentre impastava le pagnotte di pane e le infornava, alle sue mani che quel pane avrebbero spezzato, alle sue labbra che l'avrebbero toccato.
Sorrise, Adele, e cominciò a cantare tra quei boschi, col cuore allegro e innamorato e l'incoscienza buona e giusta dei suoi tredici anni.
Gli inni dei partigiani, imparati a memoria durante le notti passate nella grotta, le fluivano gai dall'anima e dalla bocca; le sue lunghe gambe da cerbiatta incedevano, agili e fiere, per i sentieri impervi, senza sentire la stanchezza.
Lo sguardo che si lanciò di sguincio nel torrente, china per bere, le strappò un mugugno di insoddisfazione. Era bella, ma non lo sapeva
Le sarebbe piaciuto un vestito nuovo, magari con grandi fiori allegri e la gonna a campana.
Bagnò la mano nell'acqua fresca e si ravviò i capelli, con fare civettuolo.
Doveva sbrigarsi. Gli uomini aspettavano impazienti, per la fame e  la preoccupazione.
In sei mesi era andata da loro ogni due giovedì, e non era mai mancata all'appuntamento.
Le prime ombre cominciarono ad allungarsi sul prato, quasi a spronarla ad incedere più svelta. Sta arrivando sera, parevano dirle, corri bambina, corri.
Quando Adele arrivò alla grotta, il tramonto era passato da un pezzo.
Aveva indugiato un attimo, per godersi lo spettacolo sfolgorante di un sole generoso.
Un crepuscolo magico, rosso e viola ad incendiare il cielo e il cuore.
Suo padre si alzò dalla cassetta di legno e l'abbracciò forte, sollevandola un poco per darle un bacio.
Pur godendosi il calore di quell'abbraccio, i suoi occhi andarono ad incatenarsi a quelli di Mario. Il ragazzo abbassò lo sguardo ed arrossì.
Lei non era solo Adele, la ragazzina timidamente baciata l'anno prima; era la sorella e la figlia di uomini che rispettava.
Un anno. Quante cose erano cambiate in un anno.
Mario che giocava con Adele alla fontana del paese a schizzarsi e rincorrersi, felici, non esisteva più.
Ora c'era Mario, il partigiano, il fuggitivo, il criminale.
Mario che aveva già ucciso un uomo, e poi aveva pianto, mentre un compagno più grande lo guardava serio e non cercava né di toccarlo né di consolarlo. Stava lì, semplicemente, senza nulla dire, perché nulla c'era da dire.
Mario, che ne aveva ucciso un altro, e non aveva pianto più.
Poco dopo, nella grotta faceva da padrone il silenzio; gli uomini, sette, mangiavano il pane fresco e ne respiravano l'aroma, avidi, cercando di indovinare quali mani l'avessero impastato. Era il profumo delle loro donne che cercavano, il profumo di casa.
La forma di formaggio e il vino rosso, forte e corposo, passarono di mano in mano fino a che gli stomaci furono sazi e gli occhi appena velati dall'alcool.
Era arrivato il momento, per Adele, di rispondere alle domande che le venivano poste.
Chiedevano dei loro cari e le passavano brevi lettere da consegnare alle madri, alle mogli, alle fidanzate. Erano tutti consapevoli che quelle lettere avrebbero potuto significare la condanna a morte di Adele, se durante il viaggio di ritorno le fossero state trovate addosso, e forse anche la loro.
Ma a questo non era dato pensare.
Era il momento di combattere, ed ogni guerra, si sa, ha i suoi caduti. Nella grotta scese di nuovo il silenzio.
Ognuno degli uomini si era appartato, per aprire le buste che la ragazza aveva loro consegnato.
Tutte contenevano amore, e rabbia e coraggio.
Non un lamento veniva spedito a quegli uomini.
Combattevano su due fronti, per la stessa causa, uomini e donne e bambini e l'uno doveva donare all'altro la forza di andare avanti. Non era facile.
Adele guardò il padre.
Stava leggendo, ad alta voce, la lettera della moglie ai suoi fratelli.
Lui alzò gli occhi e le fece un cenno d'intesa.
In tempi normali, non avrebbe permesso alla sua unica figlia femmina di allontanarsi con un ragazzo.
Ma quelli non erano tempi normali, e ogni vita era appesa a un filo.
La notte era fresca, ma non fredda.
Il buio totale faceva brillare le stelle di magìa.
La luna era una falce d'argento, in quel momento ad Adele sembrò una culla.
Culla erano le braccia di Mario che la stringevano forte.
Tra un bacio e l'altro, sognavano una casa e almeno tre bambini.
Sognavano un mondo libero e giusto, ed erano pronti a sacrificarsi in prima persona. Persino il loro amore, così pulito, spontaneo, veniva dopo un ideale che li univa più di quei baci clandestini.
“Vorrei avere una chitarra” le sussurrò piano Mario,”Per cantarti una serenata, qui, sotto le stelle”
“ Ti amo tanto,sai?”
“Anche io, anche io ti amo”
Il padre di Adele fece capolino dalla grotta. Era il segnale del rientro ed i due ragazzi non si fecero attendere.
Nel rifugio gli uomini erano già stesi sulle coperte, tranne Giuseppe. Le prime due ore di guardia le doveva fare lui.
Mario gli si avvicinò e chiese di cambiare il turno col suo.
L'uomo sorrise. Avrebbe fatto anche quello successivo Mario e quello dopo ancora, e lui e Adele sarebbero rimasti svegli tutta la notte a chiacchierare fitto fitto.
Succedeva sempre così e gli uomini accettavano, bonari, questa soluzione.
L'alba arrivò improvvisa, scontrosa. Il sole aveva deciso di restare a dormire quella mattina.
Il padre di Adele guardò il cielo, preoccupato.
Le grandi nubi grigie borbottavano di pioggia, ma forse erano solo i lamenti di un cielo che già sapeva.
Con lo zaino vuoto la ragazzina si mise in viaggio, in tasca solo le lettere degli uomini e un pezzo di pane e formaggio; le sembrava di essere infinitamente più pesante, perché portava nel cuore il dolore del distacco.
Il resto è orrore.

Insieme alla pioggia, tanti anni dopo, il finestrino di un treno che percorre veloce la campagna marchigiana è appannato dalle lacrime di una vecchia signora che piange silente, col viso appoggiato al vetro e lo sguardo perso tra quelle colline, dolci e rotonde e fiere, come il seno acerbo di un'adolescente.

La pattuglia tedesca sbucò fuori improvvisa dalla macchia. Non fece nemmeno in tempo ad urlare, Adele, il viso colpito dal calcio del fucile di un soldato che poteva avere cinque, o forse sei anni più di lei.
Quegli occhi, celesti come il cielo di giugno, sono l'ultima cosa che ricorda.
Quando il dolore è troppo forte l'oblio vince sulla pazzia, donando un velo pietoso da stendere sulla memoria.
Deve aver ripreso conoscenza a tratti, Adele, quando tutti gli uomini che amava furono uccisi barbaramente come cani rabbiosi, o quando qualche uomo della truppa nemica pensò bene di violentarla, usando la sua carne innocente come sfregio, lezione, esempio.
Sangue su sangue, versato a una terra che sangue non voleva e mai ne aveva chiesto.
Sangue d'agnello versato e che mai, mai potrà essere abbastanza ripagato.
Deve aver ripreso conoscenza a tratti, Adele, ma non ricorda più che il viso della madre al suo capezzale,seduta seria a guardarla, dura, senza nulla dire, perché nulla c'era da dire, chiusa nel silenzio assurdo di un grido.

Una vocetta infantile sposta di posto i pensieri di Adele.
“ Nonna, nonna, mi racconti la storia di Nonno Partigiano?”
L'anziana donna si asciuga di nascosto le lacrime, prende sulle ginocchia la bambina, biondissima, con gli occhi celesti come il cielo di giugno. Cerca inconsapevolmente in lei una traccia dell'orrore, poi scaccia il pensiero e con amore infinito comincia la storia:
“ C'era una volta una collina e un ragazzo che cantava della Libertà...”
Il treno continua la sua corsa, dando un ritmo cadenzato alla fiaba narrata. Tra le colline marchigiane, dolci e fiere e rotonde, come il seno acerbo di un adolescente, l'ombra di una ragazzina dalle lunghe gambe da cerbiatta continua a correre.


Ultima modifica di La Penna del Giorno il 25/10/2010, 16:25, modificato 3 volte
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime21/9/2010, 23:47

PDG, sei attiva...

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime21/9/2010, 23:51

Grazie Daniela...vino rosso o camomilla?
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime21/9/2010, 23:54

No, ora leggo e voglio essere lucida.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime21/9/2010, 23:56

brrrrrrrrrr.....aspetto con la solita ansia, che anche dopo tanti round non mi abbandona mai
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 00:03

Come può non piacermi questa tua storia, di questa Adele che potrebbe chiamarsi in tanti altri modi ma che, comunque, conosco? Splendida pagina, PDG, per me una di quelle da salvare non nel file In Punta di Penna settimo round ma in quello che ho chiamato Pagine da conservare. Non ti riesco a dire la commozione, no. Perché mi hai fatto ricordare storie simili eppur diverse nella loro unicità, sentire raccontare di fianco ad una stufa economica da un compagno di Adele, di Mario. Applauso a scena aperta, compreso l'incipit in poesia: gomitoli di ricordi, a scaldaci. BRAVA!

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 00:14

Daniela Micheli ha scritto:
Come può non piacermi questa tua storia, di questa Adele che potrebbe chiamarsi in tanti altri modi ma che, comunque, conosco? Splendida pagina, PDG, per me una di quelle da salvare non nel file In Punta di Penna settimo round ma in quello che ho chiamato Pagine da conservare. Non ti riesco a dire la commozione, no. Perché mi hai fatto ricordare storie simili eppur diverse nella loro unicità, sentire raccontare di fianco ad una stufa economica da un compagno di Adele, di Mario. Applauso a scena aperta, compreso l'incipit in poesia: gomitoli di ricordi, a scaldaci. BRAVA!
Grazie Daniela! Grazie grazie grazie. Era tanto che questa storia voleva venire fuori.
L'ha fatto quando voleva lei. Buonanotte signora pazientissima. Sono felice al quadrato che ti sia piaciuta!
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 00:16

Dire che mi è piaciuta è riduttivo. E qualcuno l'ha già condivisa su FB Smile

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 00:21

wow! vado a vedere! E' sempre un onore, un piacere, un'emozione per me. Ma tu lo sai vero? Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14693
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 00:23

Yes!

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 07:32

Racconto di una tenerezza e drammaticità particolari. C’è, a mio avviso, una buona caratterizzazione dei personaggi che appaiono veri, reali, concreti, come se agissero, si muovessero dinanzi ai nostri occhi. Prosa strutturalmente impeccabile. Narrazione avvincente. Storia interessante. I miei complimenti alla "penna".
Torna in alto Andare in basso
Luca Curatoli
Star
Star
Luca Curatoli

Numero di messaggi : 2173
Data d'iscrizione : 04.01.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 08:03

nonostante i tempi, l'inizio del racconto è lirico: c'è pure un treno che non è un mezzo di servizio ma proprio un treno crudele e autentico treno che affonda nel territorio... Adele qualche rigo prima mi sembrava più grande. ma ha solo tredici anni. Mario soltanto un anno fa era un bambino. ora lo leggo partigiano. uomo perfino... perchè ha ucciso e non ha nemmeno pianto?
e poi il pane, più di un simbolo, quando aveva in se il gesto delle mani che l'aveva impastato. e i corpi portavano lettere dove le parole dovevano essere messaggere e, probabilmente una firma poteva dire la morte per chi la consegnava... e l'amore al tempo della guerra; anche i distacchi.

Il resto è orrore. dici penna del giorno.

e come è irreale a volte il mattino di chi va al lavoro tra le prime pagine dei giornali e l'autobus e le macchine che la vita appena svegli non sai dove è finita e allora vorresti un racconto vero. qualcosa che non sia solo parole scritte e favola. da me minaccia pioggia e, leggendoti, mi vergogno della parola minaccia. complimenti (però il cielo grigio da me ha fatto il resto...)
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 10:45

Una risposta per tutti: Grazie.
Sono felice che Adele vi sia entrata nel cuore, perchè è nel mio che alloggiava da tanto tempo.
Come dice Daniela frammenti di storie sentite davanti a una stufa, o a un camino, quando ero bambina si sono unite qui,e se come dice Paolo, sembrano veri, è perchè veri sono stati.
Questa penna poi ha unito i fili,e con la fantasia ha intrecciato alla vita ciò che non sapeva.
Mi prendo i vostri complimenti e mi ci scaldo, in memoria di...
Il cielo, Luca, è sempre quello di tanto tempo fa, solo tanto diversi i valori e i sogni, o forse è solo quello che ci vorrebbero far credere.

I nostri sogni sono i peggiori incubi di chi ci governa.

Alla luce, scusatemi se mi permetto, di una scuola che vuole sfornarci tanti piccoli balilla ( vedi nuova circolare Gelmini_ La Russa)sempre più importanti sono i nostri sforzi per non far dimenticare chi ha combattuto per la Libertà, dono che stiamo inesorabilmente buttando via.

E ora caffè per tutti..con tanto zucchero.
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 10:48

Mi unisco all' applauso di Daniela. Un testo che pur narrando gli orrori della guerra è intriso di poesia, di speranza, di ideali alti. Bravissima Penna!
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 10:57

Franca Bagnoli ha scritto:
Mi unisco all' applauso di Daniela. Un testo che pur narrando gli orrori della guerra è intriso di poesia, di speranza, di ideali alti. Bravissima Penna!


Un bacio a te signora...ogni volta che vedo la tua fotina mi spunta un sorriso.
Grazie.
Torna in alto Andare in basso
Franca Bagnoli
Star
Star
Franca Bagnoli

Numero di messaggi : 1679
Data d'iscrizione : 02.04.10

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 11:09

Grazie mille. Un abbraccio forte
Torna in alto Andare in basso
http://www.francamente.ning.com
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 11:11

Franca Bagnoli ha scritto:
Grazie mille. Un abbraccio forte

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI 84688
Torna in alto Andare in basso
Mario Malgieri
Star
Star
Mario Malgieri

Numero di messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 12.05.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 12:58

Non ho voluto leggere i commenti prima di questo mio, perchè non desidero filtrare le mie emozioni attraverso quelle di altri.
Emozione pura, quella che nasce piano piano durante la narrazione, emozione che si rinsalda e mi lascia per qualche secondo col groppo in gola, alla fine della lettura.
Per come hai scritto e per cosa hai scritto.
Forma e contenuto, quando si sposano alla perfezione, quando riescono a far passare tutto quello che lo scrittore voleva, nasce un piccolo capolavoro.
Grazie PdG per ora ignota, sei davvero un bella penna!
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 13:20

Mario Malgieri ha scritto:
Non ho voluto leggere i commenti prima di questo mio, perchè non desidero filtrare le mie emozioni attraverso quelle di altri.
Emozione pura, quella che nasce piano piano durante la narrazione, emozione che si rinsalda e mi lascia per qualche secondo col groppo in gola, alla fine della lettura.
Per come hai scritto e per cosa hai scritto.
Forma e contenuto, quando si sposano alla perfezione, quando riescono a far passare tutto quello che lo scrittore voleva, nasce un piccolo capolavoro.
Grazie PdG per ora ignota, sei davvero un bella penna!

Grazie Orso, aspetto sempre con ansia il tuo commento, forse perchè ammiro la tua penna appuntita e che mi lascia sempre a bocca aperta.
Non si vede, ma sono arrossita di piacere. Embarassed
A onor del vero devo dire che mi sono impegnata nella stesura di questo racconto, e i vostri complimenti sono un'enorme ricompensa al lavoro fatto
Torna in alto Andare in basso
Emma Bricola
Star
Star
Emma Bricola

Numero di messaggi : 1351
Data d'iscrizione : 27.01.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 13:27

Una bellissima e commovente pagina di storia
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 13:37

Emma Bricola ha scritto:
Una bellissima e commovente pagina di storia
Grazie Emma, si, questo è.
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1490
Data d'iscrizione : 21.09.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 16:13

eccomi alla sponda di questa pagina, mi ci sciolgo di commozione, perchè è palese che sia una storia vera, vera come le tante volte che è stata vissuta, da qualunque parte ci sia un fronte.
Mi ha ricordato le pagine di Helga Schneider, scrittrice tedesca che racconta le stesse cose, solo viste dall'altra parte del confine.
Credo che sì, questa pagina vada conservata. LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI 35710
Torna in alto Andare in basso
Mario Malgieri
Star
Star
Mario Malgieri

Numero di messaggi : 1878
Data d'iscrizione : 12.05.08

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 17:32

Questo brano merita più letture, tutti i brani della tornata le meritano per l'impegno delle Penne.
Forza pennaioli, accorrete!
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 18:11

Rita Paleari ha scritto:
eccomi alla sponda di questa pagina, mi ci sciolgo di commozione, perchè è palese che sia una storia vera, vera come le tante volte che è stata vissuta, da qualunque parte ci sia un fronte.
Mi ha ricordato le pagine di Helga Schneider, scrittrice tedesca che racconta le stesse cose, solo viste dall'altra parte del confine.
Credo che sì, questa pagina vada conservata. LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI 35710

Grazie Rita, come sempre sei dolcissima.
Quello che mi hai fatto è un grosso complimento.
Torna in alto Andare in basso
La Penna del Giorno
Top
Top
La Penna del Giorno

Numero di messaggi : 1013
Data d'iscrizione : 07.06.09

LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime22/9/2010, 18:11

Mario Malgieri ha scritto:
Questo brano merita più letture, tutti i brani della tornata le meritano per l'impegno delle Penne.
Forza pennaioli, accorrete!
LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI 645676
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Empty
MessaggioTitolo: Re: LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI   LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
LA COLLINA DI ADELE - ANNAMARIA GIANNINI
Torna in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Le proposte di scrittura a tema :: Anno Domini 2010-
Vai verso: