RegistratiIndiceCercaAccedi

Condividi
 

 Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:12

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Borcha10


Erano occhi di bragia quelli che riflettevano lo specchio: il viso non tradiva null’altro che il pallore di una morta, come lei immaginava possedere il Gran Traghettatore di anime.
Dannate, come la sua, ma anche pure e candide come tante altre che vedeva passare lentamente sul fiume Acheronte.
Tutte, tutte quante avevano identica smorfia di sofferenza a tirare labbra in virgole che trasmettevano dolore.
Scelse una scatolina, tra le tante dei ceroni che usava a teatro: rossa, poteva essere solo quel colore a dipingerle le gote.
Doveva apparire viva e solamente il rosso del fuoco, della passione, della rabbia la rappresentava sul palco della sua vita scondita.
Erano due pomi che ferivano il chiaro del viso.
Così come feriva la bocca di carminio dipinta.
Era pronta, tutto era pronto ed era il tempo.
Cacciò il tarlo fastidioso sulla riflessione fatta circa il tempo di vivere e il tempo di morire.
Aveva scelto e la sua scelta sarebbe stata insindacabile da chiunque.
Da lei stessa, per prima.
Non aveva mai creduto che la vecchia pistola Luger, ricordo della guerra del padre, potesse ancora funzionare.
Lo aveva verificato, al tiro a segno, con la complicità dell’amico che dirigeva il centro: l’avevano oliata per bene ed avevano sparato qualche colpo contro il bersaglio immobile.
Il suo, non lo sarebbe stato se non dopo, perché la determinazione ad ucciderlo era tale che non aveva alcun dubbio sul fatto che il colpo al cuore lo avrebbe immobilizzato per sempre.
Scelse di indossare un cappello impermeabile per non permettere alla pioggia battente di sciogliere la sua maschera da clown.
Pareva l’It di King.
Solo che lei non usciva dalla fogna, usciva da casa sua per fare ritornare un ratto nel suo habitat.
Guidò a lungo, incurante delle facce un po’ perplesse che si affiancavano a lei per la strada.
Nel parcheggio davanti al suo ufficio non vide traccia della macchina dell’uomo: era arrivata in tempo per sorprenderlo, consegnargli entrambi i regali che aveva per lui.
Si accese una sigaretta, trattenendo il fumo nei polmoni fino a che non li sentì scoppiare dalla mancanza d’aria.
Era calma, fredda, determinata.
E non si scosse quando vide entrare nel parcheggio la sua auto e riconobbe la figura alla guida.
Aspettò fino a che non scese e chiuse l’auto con la chiave elettronica, contando i secondi che la separavano da quel momento a quando si sarebbe girato ed avrebbe riconosciuto in quella maschera da clown colei che un tempo era un sogno.
Ora sarebbe diventato il suo incubo.
L’ultimo, indimenticabile.
“Ciao, - sussurrò appena l’uomo i girò – non essere stupito di vedermi: ho comprato per te una cravatta, ricordi? Mi pare giusto che vada al suo legittimo proprietario”.
“Perché questa mascherata, Doriana? – le chiese lui, riprendendosi dallo stupore – Mi hai spaventato. Vieni a prendere un caffè? Così parliamo un poco”.
“No, il tempo delle parole è finito. Ora ti pigli questa cazzo di cravatta, è tua, ti appartiene in quanto ti ha scelto. Ti ricordi, amore mio? Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che scelgono noi. Lei è arrivata da te” e mentre frugava nella borsa, assieme al pacchetto trasparente che rivelava quel pezzo di stoffa a righe rosse e bianche, prese anche la pistola “Così, esattamente come il caricatore che è dentro a questa arma ha scelto che il posto dove deve stare è dentro al tuo cuore”.
Sparò un solo colpo, preciso e netto e l’uomo si accasciò, non avendo nemmeno il tempo di proferire un gemito.
Con calma, protetta dall’auto, Doriana si chinò, gli sfilò la cravatta di un assurdo disegno batik e gli mise la cravatta a righe rosse e bianche.
“Ecco, è della stessa tonalità della macchia che ti coriandola il cuore. Non si vede, ma se osservi bene, è identica a quella lasciata dal proiettile che tu mi hai sparato ha inciso il mio. Solo che io potrò parlarne ancora. A te amore, non sarà concesso. Adieu, monsieur, les jeux sont faits, rien ne va plus”.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:36

Bellissimo noir, Daniela: molto ben pensato e costruito. Ci son tutti gli ingredienti adatti del brivido e le giuste caratterizzazioni dei personaggi.
Non potrebbe essere un'idea - che dici? - una raccolta, in futuro, di una "nostra" antologia di racconti gialli e noir?
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:37

ehehehe Paolo, questo "noir" è stato scritto in 5 minuti esatti, e il tuo commento mi onora come tu non puoi nemmeno immaginare!
sì, mi piacerebbe, anche perché ne ho ammazzati tanti così che non sarebbe male!!!!!

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:43

Ehi, Daniela, non dirmi che sei una "macchina" tritauomini... anche se, a pensarci, certe facce da schiaffi, liberamente in circolazione, meriterebbero un cambio sicuro di connotati. E allora, cosa di meglio del farlo in racconti noir e gialli, per i quali non si può essere perseguitati dalla legge?
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:44

No, ma uccido sempre metaforicamente chi mi fa del male. Indifferentemente dal sesso...

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:52

Questo lo davo per scontato: davo cioè per scontato la tua tendenza metaforica a eliminare chi fa male fuori del sesso, perché fa male davvero, specie dopo essersi saziato dell'oggetto del desiderio e considerarlo, ora (dopo che ci si sente appagati), meno che niente.
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:53

Ehehehe... Paolo tu non mi conosci molto ma ho una cosa che ammiro di me: che basta poco per ricordare il mio nome e cognome... Basta una parola, una frase o un sò scritto accentato: nemmeno la fretta lo giustifica!

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 20:58

Così come lo verghi, il tuo biglietto da visita lo definirei a dir poco allarmante. Per certi versi mi ricordi quella tale Nikita, favolosa a vedersi, un po' meno ad aver a che fare con la bocca della sua pistola.
Ma dentro di te - son certo - c'è un cuore tenero. Non ci può essere durezza, io credo, se non alimentata o fortificata da un dolce, cullante sentimento.
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 21:00

Si deve essere duri senza perdere la tenerezza (Che)

Ma quando te la fanno perdere gli altri, impugno la katana o la pistola o qualunque arma contundente mi capiti tra le mani.

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 21:03

E fai bene, Daniela. Difendi te stessa a spada tratta, specie quando sai che ciò che difendi merita di essere difeso.
Torna in alto Andare in basso
Daniela Micheli
Admin
Admin
Daniela Micheli

Numero di messaggi : 14694
Data d'iscrizione : 04.01.08

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 21:05


Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono 575356

e grazie

_________________
Il più grande condottiero è colui che vince senza combattere.[Sūnzǐ Bīngfǎ, 孫子兵法]
Torna in alto Andare in basso
Paolo Secondini
Top
Top
Paolo Secondini

Numero di messaggi : 324
Data d'iscrizione : 07.06.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime10/11/2010, 21:06

CIAO!

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono 899765
Torna in alto Andare in basso
Divagazioni laterali
Star
Star
Divagazioni laterali

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 21.09.09

Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime11/11/2010, 09:33

se ti vedrò con una cravatta in mano, scapperò! Razz
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Empty
MessaggioTitolo: Re: Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono   Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Non siamo noi che scegliamo gli oggetti ma sono loro che ci scelgono
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Prosa e Poesia :: Prosa-
Vai verso: